giovedì, Agosto 6

Attentatore pakistano: "Io amo ammazzarli" La confessione shock davanti alla telecamera

0

Così  un attentatore pakistano parla della sua passione per l’uccisione delle persone. I testimoni hanno descritto come un enorme esplosione ciò che ha scosso la Scuola Pubblica legata all’esercito nella città nord-occidentale di Peshawar e sei uomini armati in uniforme paramilitari governativi è passato da un’aula all’altra sparare i bambini, alcuni di appena 12.

Il portavoce militare generale Asim Bajwa ha detto che 132 studenti e nove del personale sono stati uccisi nel massacro di otto ore. Il bilancio è superiore al 139 uccisi in esplosioni di targeting ex primo ministro Benazir Bhutto a Karachi nel 2007.

Il Tehreek-e-Taliban Pakistan (TTP) ha rivendicato la responsabilità per l’attacco, definendolo una vendetta per una grande offensiva militare nella regione. Un sopravvissuto adolescente ha descritto come ha giocato, fingendosi morto, per sfuggire ai militanti come hanno imperversato attraverso la scuola, a caccia di persone da uccidere.

Shahrukh Khan, 16 anni, ha detto che lui e i suoi compagni di classe si erano chinati sotto i loro banchi, quando quattro uomini armati  sono entrati nella loro stanza. Ho visto un paio di stivaloni neri venire verso di me, questo ragazzo era probabilmente a caccia di studenti che si nascondono sotto i banchi“, ha detto Khan AFP dal reparto traumi di Lady Reading Hospital della città. Khan ha deciso di fingersi morto dopo essere stato colpito a entrambe le gambe, si è ripiegato la cravatta in bocca per soffocare le sue urla. L’uomo con grandi stivali continuò a cercare gli studenti e scaricare pallottole nei loro corpi. Rimasi immobile come ho potuto e chiusi gli occhi, in attesa di ottenere di nuovo colpo “, ha detto. Ho visto la morte così vicina e che non dimenticherò mai gli stivali neri mi si avvicinavano – mi sentivo come se fosse la morte che mi si stava avvicinando.

Il Reading Hospital è stata affollato di genitori sconvolti, piangenti in maniera incontrollabile mentre i corpi dei bambini sono arrivati, le loro divise scolastiche intrise di sangue. Irshadah Bibi, 40 anni, il cui figlio di 12 anni, è stato tra i morti, ha battuto il suo volto nel dolore, gettandosi contro un’ambulanza. I funzionari della polizia hanno detto che l’attacco si è concluso intorno a 6:30, circa otto ore dopo il suo inizio, con tutti e sei i militanti morti.

ll portavoce del Direttore generale dell’esercito, Asim Bajwa , ha detto su Twitter che l’operazione è sta “chiudendo, ma che i dispositivi esplosivi piantati dai militanti sono stati ostacolando le operazioni di rimozione. Il primo ministro Nawaz Sharif ha descritto l’attacco come una “tragedia nazionale scatenata da selvaggi”. “Questi erano come  i miei figli. Questa è la mia perdita. Questa è la perdita della nazione “, ha detto.

Il Nobel per la Pace Malala Yousafzai,  fu poi sparato dai talebani nel 2012, si è detta che sia  stato “il cuore spezzato” con “l’insensata e sangue freddo” ad ucciderlo. Il presidente Usa Barack Obama ha condannato l’attacco come “odioso” e ha detto l’America avrebbe stand da parte del Pakistan nella sua lotta contro l’estremismo violento.

I leader di India e Afghanistan, i vicini a volte litigiosi del Pakistan, ha aggiunto le loro voci per l’oltraggio.

La scuola Warsak Road di Peshawar è parte della scuole e delle università Sistema Esercito pubblico, che gestisce 146 scuole a livello nazionale per i figli dei militari e civili. I suoi studenti vanno in età da circa 10 a 18. Le scuole educano i figli di ufficiali e soldati sottufficiali e Army Wives spesso insegnano a loro.

L’attacco di martedì è stato visto come scioccante anche per gli standard del Pakistan, che ha subito migliaia di morti in attentati e armi dal momento che il TTP è aumentato nel 2007.

Il portavoce TTP Muhammad Khorasani detto subito che l’assalto è stata condotto per vendicare i combattenti talebani e ai loro familiari uccisi in offensiva dell’esercito contro le roccaforti dei militanti in Nord Waziristan.

I militari hanno salutato l’offensiva come un grande successo a interrompere insurrezione del TTP. Più di 1.600 militanti sono stati uccisi dal lancio di funzionamento Zarb-e-AZB nel mese di giugno, secondo i dati compilati da AFP dalle dichiarazioni militari regolari. Talat Masood, analista generale e la sicurezza in pensione, ha detto che l’attacco era destinato a indebolire la determinazione dei militari. Ha detto che era “una risposta a Zarb-e-Azab dopo l’uccisione di combattenti talebani e le molestie le loro famiglie“.

Il Ministro degli affari esteri Charlie Flanagan ha detto che l’attacco scuola era “di brutalità selvaggia che mira bambini innocenti nel loro luogo di studio. “I responsabili di questa vigliaccheria estrema hanno mostrato la loro realizzazione in questo insensato atto di violenza” ha riferito Flanagan in un comunicato. Il Segretario generale Sheila Nunan ha detto scuole di tutto il mondo devono essere rifugi sicuri per i bambini e gli insegnanti, aggiungendo che il terrorismo di oggi è “un oltraggio che merita un grosso sbaglio e convinzione dietro a tale azione” e rappresenta “un affronto alla dignità umana“.

(tratto da ‘INDIATV’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore