lunedì, Maggio 27

Atene: la ricostruzione di una nuova identità per superare la crisi La capitale della Grecia investe sul turismo, sulla rivitalizzazione dei quartieri e sul patrimonio artistico e culturale

0

La Grecia sta lottando per sopravvivere e rimanere all’interno dell’Unione Europea e la sua capitale Atene vuole, ad ogni costo, superare la crisi, in cui è coinvolta già da parecchi anni, per poter offrire ai suoi cittadini migliori prospettive di vita ed evitare che fuggano all’estero.

Nonostante le nuove misure di austerity approvate dal Parlamento greco, che fissano nei dettagli i provvedimenti che il Governo dovrà prendere nel 2018 e nel 2019 ( taglio alle pensioni, abbassamento della soglia di reddito esentasse), la città rimane sempre una delle mete più ambite dai turisti e un viaggio nella capitale non può non iniziare dalle vie che si diramano sotto la collina del Partenone, dove in alto svetta l’Acropoli, il cuore dell’antica polis, maestosa e lucente.

Per poi proseguire nei quartieri di Monastiraki e Plaka che rendono perfettamente l’idea di quella che era considerata Atene ai tempi degli antichi greci. Infatti, ancora oggi, si possono ammirare le case con inserti in legno e i tetti piatti, impreziositi da pergolati di viti, ed anche se la zona, ormai, è stata invasa da negozi di souvenir e da taverne, è ancora possibile scorgere reperti archeologici che sono testimonianze di un glorioso passato.

Coloro che hanno risentito maggiormente della crisi sono stati i giovani greci. Alcuni si sono stabiliti in altre città europee e si sono adattati ad una nuova realtà lavorativa; altri hanno scelto di rimanere nel loro Paese d’origine ed hanno cercato di reinventarsi con le risorse che avevano a disposizione. A parte questo, Atene rimane una città molto viva, caratterizzata da gente che ama divertirsi e che cerca di essere ottimista, nonostante le condizioni di vita sfavorevoli.

Atene è una città che non vuole rinunciare al suo ruolo fondamentale nel turismo mondiale. Che sia la meta scelta per un viaggio culturale o la via di transito per andare in vacanza sulle isole greche più ambite, si tratta comunque di una delle più belle capitali europee. E’ una città ricca di monumenti, di chiese, musei, teatri, templi e parchi, ma è anche una metropoli notturna, caratterizzata da locali sempre pieni di gente, dove le varie etnie si mescolano in uno straordinario melting pot che coinvolge Oriente e Occidente.

Fra le bellezze artistiche che si possono visitare vi sono inoltre: l’anfiteatro di Dioniso, il più antico del mondo; quello intitolato a Erode Attico dove, tuttora, vengono allestiti spettacoli all’aperto; il rione degli Anafiotika con il suo dedalo di vie, chiesette e bar caratteristici; il tempio di Efesto e così via.

Per trovare un po’ di ristoro, invece, si può fare una tappa nel Klepsidra Cafè oppure alla Taverna Platanos, una delle più vecchie trattorie della città, nata come ritrovo per artisti, dove si possono gustare piatti tipici della tradizione gastronomica greca, come il mousakà e la fasolade oppure, se si vogliono assaggiare le rinomate pietanze della cucina internazionale, ci si può recare in uno dei tanti ristoranti messicani, arabi, giapponesi, italiani e russi aperti fino a tarda notte.

Inoltre, per vivere a pieno la frizzante atmosfera della città, bisogna recarsi nei quartieri che si trovano tra piazza Omonia e Monastiraki, dove è situato il bellissimo mercato alimentare, trasformato, negli anni Novanta, da un gruppo alternativo di intellettuali, oggi ricco di botteghe, negozi e locali, oppure si può fare una sosta ad Exarcheia, quartiere universitario dall’aria bohémien.

Un’altra caratteristica della capitale ateniese è che lo spazio e la libertà di ogni individuo vengono rispettati. Ciò significa che si può camminare per le strade cittadine, fino all’alba, senza preoccuparsi di riuscire a tornare a casa sani e salvi, perché la città è molto sicura e vigilata, ed è raro che si senta parlare di omicidio o di violenze perpetrate contro terzi.

Atene, pur essendo popolata da milioni di abitanti e da una frenetica vita notturna, che si svolge prevalentemente nel centro storico della città, è riuscita a rivitalizzare quartieri periferici, presenti nelle aree suburbane, dove si può godere della massima tranquillità e conversare amabilmente con i residenti locali, sempre pronti ad accogliere turisti provenienti da ogni parte del mondo.

Sempre più visitatori scelgono la Grecia perché, rispetto ad altri Paesi d’Europa, il costo della vita è molto più basso. Infatti, è possibile acquistare una bottiglia d’acqua con meno di 50 centesimi e un buon pasto può costare dai 5 ai 10 euro a persona.

Anche gli affitti, ad esempio, sono altrettanto economici, rispetto a capitali come Parigi o città del Brasile, come San Paolo e Rio de Janeiro, quindi ognuno può scegliere la soluzione che preferisce ed alloggiare in un appartamento, piuttosto che in un albergo.

Se, invece, si vuole fare una gita fuori porta, le isole greche valgono la pena di essere visitate e possono essere raggiunte facilmente, prendendo una delle imbarcazione che partono dal porto di Atene.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore