martedì, Agosto 4

Artico: è emergenza rifiuti di plastica I rifiuti di plastica stanno dilagando anche nelle acque artiche.

0

I rifiuti di plastica che di solito si trovano nei nostri mari stanno dilagando anche nelle acque artiche. Questa scoperta l’ aveva già fatta un team internazionale di ricercatori dell’Istituto Alfred Wegener, del Centro Helmholtz per la ricerca polare e marina e del Laboratorio belga per l’ecologia polare. Ad oggi, la situazione sembra molto peggiorata. Numerose le conseguenze a livello di ambiente marino: gravi danni agli uccelli marini.

Secondo molti calcoli, negli oceani si troverebbero cinque enormi “isole” di detriti galleggianti, soprattutto di plastica. La sesta isola si troverebbe nel mare di Barents. «E ipotizzabile che parte di quei rifiuti scivoli ancora più a nord attraverso lo stretto di Fram» aveva dichiarato la biologa Melanie Bergmann. SI trovrerebbero anche più di 120 tonnellate di rifiuti di metallo.

Pochi mesi fa, a Murmansk 500 residenti e volontari si sono messi a disposizione per raccogliere i rifiuti che stanno invadendo l’Artico russo. La pulizia dell’Oceano artico avviene con la nascita di una nuova organizzazione non governativa nota come The Slava Foundation,

(Video tratto dal canale Youtube BBC)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore