domenica, Dicembre 8

Analisi del sangue? Usiamo le onde sonore I ricercatori del MIT mettono a punto un nuovo metodo per le analisi del sangue

0

Un team di ricercatori del Massachusetts Institute of Technology, insieme alla Duke University, al Magee-Women’s Research Institute ed al Nanyang Technological University di Singapore ha sviluppato un nuovo metodo di analisi del sangue.

Il progetto messo a punto è qualcosa di assolutamente inedito. Perché?

Perché mira all’utilizzo di onde sonore per l’analisi di diverse malattie, prima fra tutte il cancro.

Forse non tutti sanno che le cellule secernono pacchetti di nanoscala, chiamati esosomi, che portano messaggi importanti da una parte del corpo all’altro. Gli scienziati del MIT e altre istituzioni hanno ora creato un modo per intercettare questi messaggi, che potrebbero essere utilizzati per diagnosticare problemi come il cancro o le anomalie fetali.
Il loro nuovo dispositivo utilizza una combinazione di microfluidici e onde sonore per isolare questi esosomi dal sangue. I ricercatori sperano di incorporare questa tecnologia in un dispositivo portatile che possa analizzare i campioni di sangue del paziente per una diagnosi rapida, senza coinvolgere il metodo di ultracentrifugazione ingombrante e di lunga durata comunemente usato oggi.
«Questi esosomi contengono spesso molecole specifiche che sono una firma di certe anomalie. Se li si isolano dal sangue, è possibile effettuare analisi biologiche e vedere cosa rivelano», afferma Ming Dao, uno dei principali ricercatori del Dipartimento di Scienze dei Materiali del MIT.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore