martedì, Ottobre 20

Amsterdam, la nuova sede dell’ EMA Dopo un ballottaggio finito alla pari con Milano, è stata sorteggiata la capitale d' Olanda

0

L’ EMA, l’Agenzia europea per il farmaco, dopo aver lasciato Londra a causa della Brexit, sarà ospitata da Amsterdam. Nel video, è possibile vedere come la capitale olandese accoglierà la sede dell’ agenzia, a partire dal 2019. Ma Come si è giunti a questo risultato? Attraverso un sorteggio effettuato a Bruxelles, al termine del ballottaggio finale, durante il quale Amsterdam e Milano avevano ottenuto lo stesso numero di voti. Per questo ‘terzo turno’ sono state utilizzate due palline, recanti i foglietti con i nomi delle due città, inserite dentro un recipiente trasparente.

Milano aveva superato il secondo turno delle votazioni con 12 punti (25 punti aveva conquistato al primo turno) mentre la ‘concorrente’ olandese aveva ottenuto solo 9 punti (20 punti aveva ottenuto al primo turno). Decisiva è stata l’astensione della Slovacchia. «Grazie a Milano e grazie a tutti coloro che si sono impegnati per Ema, nelle istituzioni e nel privato. Una candidatura solida sconfitta solo da un sorteggio. Che beffa!». Questo il tweet con cui il Premier Paolo Gentiloni ha commentato l’ esito dello spareggio.

«Il sorteggio e’ un po’ il paradigma di questa Europa che non sa decidere, non sa assumersi le responsabilità e lascia ad altri o alla sorte. Il modo peggiore per rapportarsi con i Paesi, un modo che genera non solo delusione ma anche tristezza. Un’Unione di Paesi che non sa decidere, nel bene e nel male, genera proprio questo sentimento», ha detto il Presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni. «Veramente un po’ assurdo essere esclusi perché si pesca da un bussolotto. Tutto regolare ma non normale» ha dichiarato invece il Sindaco di Milano, Giuseppe Sala.

 

(Video tratto dal canale Youtube Dutch Bid For EMA Amsterdam Metropolitan Area)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore