sabato, Ottobre 24

Amena Khan, la prima modella con l’hijab per L’ Oréal Paris E' diventata una delle ambasciatrici della linea Elvive.

0

Per la prima volta nella sua lunga storia, L’ Oréal Paris Uk ha scelto una testimonial con il velo islamico, la beauty blogger Amena Khan. Si tratta di una vera e propria rivoluzione in fatto di pubblicità di prodotti per capelli. Con Amena, fra le ambasciatrici della linea Elvive, anche le donne di fede musulmana possono vedersi finalmente rappresentate.

«Quando questa lunga giornata (sul set fotografico) è finita, sono salita sul treno verso casa e ho riflettuto sul valore che ha questa campagna» ha scritto Amena in un post su Instagram, riconoscendo il valore della scelta fatta dal noto marchio di prodotti di bellezza rispetto a tutte le donne, anche quelle di altre culture.

A Vogue UK, Amena ha dichiarato: «C’è da chiedersi perché si presume che le donne che non mostrano i capelli, non si prendano cura di essi. Questa mentalità ci spoglia della nostra autonomia e del nostro senso di indipendenza». Ha poi aggiunto che: «Hanno accettato un velo in una campagna per capelli, perché ciò che stanno realmente valutando sono le voci che abbiamo. I capelli sono un’estensione della mia femminilità, esprimono ciò che sono. Anche se li mostro solo nella mia vita familiare, per i miei cari e per me quando mi guardo allo specchio». 

(Video tratto dal canale Youtube IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore