sabato, Ottobre 24

Amazon, nuove strategie di Bezos per i viaggi nello spazio

0

Jeff Bezos non vede l’ora di portare i primi turisti nello spazio, o per meglio dire a spasso in torno alla Terra. E per farlo è pronto a nuove mosse. Tra queste quella di vendere ogni anno un miliardo di azioni Amazon per finanziare l’azienda spaziale Blue Origin. Il fondatore del famoso marketplace e secondo uomo più ricco al mondo, con un patrimonio netto stimato in più di 78 miliardi di dollari, ha annunciato la sua idea durante il 33° simposio annuale sullo Spazio a Colorado Springs, dove ha confermato: «Credo sia un modello di business molto robusto».

E non è un caso che Bezos voglia portare al più presto delle persone nello spazio. Infatti tra i suoi maggiori competitor c’è quella Space X di Elon Musk, Ceo di Tesla, che non vede l’ora di offrire il primo viaggio nello spazio a dei comuni passeggeri entro un paio d’anni. Con la capsula Dragon e grazie al razzo Falcon 9, Musk è pronto a portare gli astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale, ma spera in futuro di portare qualcuno anche sulla Luna.

L’obiettivo è ridurre i costi e Bezos, con il suo New Shepard, composto da razzo vettore riutilizzabile e da un modello della capsula per l’equipaggio, punta a questo. Al momento il vettore viene almeno 2,5 miliardi di dollari, mentre il New Glenn, in grado di portare in orbita satelliti e persone, anche di più. Certo è che la possibilità di riutilizzare i vettori è già un bel punto di partenza, come conferma lo stesso Bezos: «Se possiamo rendere a basso costo l’accesso allo spazio, allora gli imprenditori si scateneranno. Vedremo la creatività, il dinamismo. Vedremo nello spazio le stesse cose a cui abbiamo assistito negli ultimi 20 anni su internet».

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.