giovedì, Ottobre 29

All’origine del colossale debito Usa

0
1 2


Gli Stati Uniti sono uno tra i Paesi più indebitati al mondo, e la tendenza in atto sembra destinata ad aumentare il peso reale di questo enorme problema strutturale. La causa principale di ciò va individuata negli elevati deficit di bilancio statale accumulati nel corso del tempo, e specialmente negli ultimi decenni. Dopo il picco del 120% raggiunto nel secondo periodo postbellico a causa dalle enormi spese militari necessarie a sostenere il conflitto, il debito è diminuito costantemente per oltre un trentennio, fino a toccare la soglia del 30% del Pil alla fine degli anni ’70, grazie soprattutto a una crescita economica media annua prossima al 4% per tutto il periodo che va dal 1950 al 1979.

I conflitti in Estremo Oriente (Corea e Vietnam) causarono problemi che si sarebbero ingigantiti nel corso degli anni, a partire da un crescente disavanzo con l’estero che raggiunse i 36 miliardi di dollari nel 1967, a fronte del progressivo assottigliamento delle riserve auree, che passarono da oltre 20 a 12 miliardi di dollari nell’arco di un decennio. All’epoca, il governo di Parigi propose allora di rivalutare l’oro, incassando lo sdegnoso rifiuto da parte di Washington e Londra (poiché anche la sterlina, che rappresentava il secondo caposaldo del sistema scaturito da Bretton Woods, avrebbe subito una forte svalutazione in seguito ad una manovra simile). Per tutta risposta, il generale Charles De Gaulle annunciò l’imminente revoca del trattato del 1961 ed iniziò immediatamente a convertire in oro (il cui valore al mercato di Londra schizzò letteralmente verso l’alto) tutte le riserve di valuta statunitense depositate nella Banque de France, innescando una reazione a catena che portò numerosi Paesi ad emulare tale esempio. Londra cedette alle pressioni internazionali accettando di svalutare del 14% la sterlina, contribuendo ad incrementare pesantemente le richieste di conversione in oro della valuta statunitense.

Nel marzo del 1968, il presidente Lyndon Johnson, conscio dell’impossibilità statunitense di soddisfare tali richieste, dispose di concerto con Londra la sospensione temporale del mercato dell’oro e ordinò successivamente di trasferire le residue riserve auree nei forzieri di Fort Knox. Alcuni economisti avevano allora suggerito di allentare i controlli sulle esportazioni di capitale allo scopo di favorire la conquista del mercato europeo da parte delle multinazionali americane, ma ciò avrebbe ulteriormente aggravato lo stato della bilancia dei pagamenti. In altre parole, «non esistono – annotava Henry Kissinger, fresco di nomina a capo del Comitato per la Sicurezza Nazionale – accorgimenti monetari attraverso i quali gli altri Paesi concederanno agli Stati Uniti la completa libertà di fare spese estere nella misura da essi desiderata, siano esse per difesa, aiuti, investimenti o importazioni. Anche sotto un regime di limitata flessibilità, che aiuterebbe entro certi limiti, gli Stati Uniti sarebbero soggetti a vincoli sia interni sia internazionali, se il dollaro dovesse tangibilmente deprezzarsi sui mercati del cambio in seguito a eccessive spese estere». Per le alte sfere statunitensi, il problema consisteva dunque nell’instaurare un sistema che permettesse agli Usa di effettuare investimenti esteri in misura illimitata, scaricando su altri le relative ripercussioni.

Nel frattempo la Comunità Europea stava implementando il cosiddetto ‘piano Werner’, finalizzato a realizzare la completa Unione Monetaria Europea (Uem) entro e non oltre l’arco temporale di un decennio. Vennero così ridotti i margini di oscillazione (dallo 0,75% allo 0,60%) consentiti rispetto alla parità tra monete, ma la Germania si vide subito costretta a lasciar fluttuare il marco per effetto del massiccio afflusso di dollari presso la Bundesbank. Nonostante questo inquietante segnale premonitore, l’Europa, la cui industria ormai ricostruita era riuscita a colmare il divario con quella statunitense, rappresentava comunque un serio concorrente per gli Usa, specialmente grazie all’Uem che, secondo alcun autorevoli economisti come Arthur Bloomfield, avrebbe incrementato il potere contrattuale europeo in campo monetario, determinato una riduzione dei flussi di capitale tra gli Usa e la Comunità Europea e ridimensionato il ruolo del dollaro come riserva valutaria internazionale. Queste difficoltà dovute alle mosse strategiche europee andarono a sovrapporsi a quelle segnalate da Kissinger, costringendo il governo statunitense a prendere in considerazione l’ipotesi di ripudiare univocamente gli accordi di Bretton Woods, specialmente in seguito a un documento della Federal Reserve (Fed) in cui si sottolineava che: «se prendiamo l’iniziativa, coglieremo di sorpresa gli altri Paesi, e in particolare quelli della Comunità Europea, prima che siano in grado di elaborare una posizione coordinata per affrontare la crisi, e avremo maggiori possibilità di prevalere nei negoziati successivi».

Di fronte alla pericolosa situazione venutasi a creare, il nuovo presidente Richard Nixon decise quindi di procedere. Nel luglio del 1971, Nixon inviò in gran segreto Kissinger, trasferitosi nel frattempo al Dipartimento di Stato, nella Cina comunista per trattare direttamente con il leader effettivo Zhou Enlai e quello spirituale Mao Zedong sia le questioni strategiche legate al contenzioso con l’Unione Sovietica, in Guerra Fredda con gli Usa e allo stesso tempo in conflitto ideologico e geopolitico con la Cina, sia i termini economici, legati al riconoscimento della Repubblica Popolare Cinese da parte di Washington, di quella che sarebbe poi diventata una cruciale intesa strategica per entrambi i Paesi, suggellata dalla visita ufficiale del presidente Nixon a Pechino nel 1972. Grazie al ‘lavoro oscuro’ svolto da Kissinger e Zhou Enlai, gli Stati Uniti riuscirono a trovare un formidabile mercato di sbocco per le proprie merci, mentre la Cina cominciò ad usufruire dei flussi costanti di investimenti esteri americani, che sono alla base del poderoso rilancio industriale avviato da Deng Xiao Ping. Parallelamente, Kissinger sabotò la politica mediorientale, incardinata sulla risoluzione Onu 242, portata avanti dal Dipartimento di Stato nel 1969 e nel 1970, blindando l’alleanza strategica con Israele e gettando le basi per una presenza costante delle forze armate statunitensi in quella cruciale regione nella generale soddisfazione delle grandi compagnie petrolifere.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore