giovedì, Ottobre 22

Alabama: inaugurato il Memoriale Nazionale per la Pace e la Giustizia di Montgomery Ispirato al Memoriale dell’Olocausto di Berlino e al museo dell’Apartheid a Johannesburg, è dedicato alle vittime afroamericane del razzismo

0

Giovedì, in Alabama, è stato inaugurato il Memoriale Nazionale per la Pace e la Giustizia di Montgomery, un monumento dedicato alle vittime afroamericane del razzismo e del suprematismo bianco negli Stati Uniti e che si affaccia sul Campidoglio di uno Stato dove fino alla metà del Novecento le discriminazioni sono state gravissime. E’ dedicato alle persone uccise negli esecuzioni sommarie pubbliche compiute dai cittadini. Su ogni pietra, 805 totali, si trova scritto il nome di una contea degli Stati Uniti, seguito dai nomi delle persone uccise.

Il memoriale è stato ispirato al Memoriale dell’Olocausto di Berlino e al museo dell’Apartheid a Johannesburg, in Sudafrica. All’esterno sono poste alcune statue tra cui una dello scultore Kwame Akoto-Bamfo raffigurante una serie di schiavi incatenati e un’ altra di Hank Willis Thomas, soprannominata “Rise Up” e rappresentante un gruppo di afroamericani che alzano le mani al cielo.

Bryan Stevenson, il capo dell’ associazione no profit che si è occupata del progetto, ha fatto ricerche negli archivi, trovando notizie riguardo a più di 4.400 esecuzioni sommarie.

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore