giovedì, Aprile 2

Al Baghdadi vivo o morto?

0

Abu Bakr Al Baghdadi sarebbe stato ucciso in bombardamenti aerei effettuati sulla città siriana di Raqqa lo scorso sabato 10 giugno. A darne notizia la tv siriana, che parla di una ufficialità che arriva da Wilayat al-Raqqa, la filiale dell’Isis nel Paese.

In realtà tutto rimane ancora un mistero, visto che non vi sono immagini. In realtà non è la prima volta che Al Baghdadi viene dato per morto. La prima volta il settembre del 2014, quando si parlò della sua uccisione durante raid aerei americani nell’area di Mosul. ma anche stavolta, come allora, non arrivano conferme ufficiali. E c’è chi pensa, come l’intelligence americana, che Al Baghdadi sia in fuga, forse nascosto in una località remota situata al confine tra Siria e Iraq.

I servizi di intelligence iracheni INIS (Iraqi National Intelligence Service) e ICTS (Iraqi Counter-Terrorism Service) sono convinti che mesi fa sia riuscito a lasciare Mosul e che abbia trovato rifugio nel governatorato iracheno di Al Anbar, confinante con il governatorato siriano di Deir Ezzor, insieme ai suoi luogotenenti. Altre fonti parlano invece di una sua permanenza in Siria. L’ultimo discorso pubblico di Al Baghdadi risale infatti allo scorso novembre quando, all’inizio dell’offensiva irachena su Mosul, da Raqqa fece appello ai suoi seguaci affinché facessero scorrere «a fiumi il sangue dei non credenti».

Di sicuro c’è che comunque, anche in caso di morte di Al Baghdadi, l’Isis continuerà ad andare avanti finchè l’Islam ‘ufficiale’ non delegittimerà in modo definitivo la deviazione jihadista.

(video tratto dal canale Youtube del The Guardian)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.