domenica, Marzo 24

Airbus e Italdesign presentano l’auto volante, Pop.Up

0

I prototipi di auto volante ormai aumentano. L’ultimo è quello presentato da Italdesign e AirbusPop.Up, durante l’ultimo Salone di Ginevra. Si tratta di un veicolo modulare (una cabina biposto, un modulo terrestre e un modulo aereo), capace di muoversi su strada e in aria tramite sistemi di guida autonoma. La gestione del mezzo viene affidata a una semplice app, la quale consente di richiamare il modulo adatto al tipo di trasporto richiesto e alle condizioni del traffico.

La Pop.Up di Italdesign e Airbus è composta, come detto, da una capsula biposto lunga 2,6 metri, larga 1,5 e alta 1,4 metri con monoscocca in fibra di carbonio da 200 kg totali, ed è capace di viaggiare su strada ma anche nel cielo. Il modulo terrestre è una piattaforma in carbonio lunga 3,11 metri e larga 1,9, che si muove grazie a due motori elettrici da 60 kW con una velocità massima di 100 km/h e un’autonomia di 130km.  Se si vuole volare, il modulo aumenta nelle dimensioni (5 metri di larghezza) visto che è dotato di rotori controrotanti che permettono il decollo verticale, per una potenza totale di 136 kW, velocità massima di 100 km/h e circa 100km di autonomia senza carico. Entrambi i moduli sono semplici da ricaricare, visto che basteranno solo 15 minuti per tornare operativi al 100%. Inoltre Pop.Up può integrarsi a sistemi pubblici come treni o Hyperloop.

 

(video tratto dal canale Youtube di  Business Insider)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.