giovedì, Settembre 19

Afghanistan, un Paese ‘dimenticato’ in preda ai terroristi

0

E’ salito ad almeno 80 morti e 350 feriti il bilancio dell’autobomba esplosa nella zona diplomatica di Kabul, in Afghanistan. Lo ha reso noto il ministero della Sanità afghano. Molti i civili tra le vittime, ma l’attacco ha fatto tornare il Paese al centro delle cronache internazionali soprattutto per la questione terrorismo.

Martoriato da decenni di guerre, l’Afghanistan è scomparso dal dibattito pubblico. Nel 2014 il parziale ritiro e disimpegno internazionale, ma da allora la situazione è andata deteriorandosi. Ad agire maggiormente sul territorio i Talebani, che comunque hanno escluso ogni coinvolgimento con l’ultimo attentato di Kabul. E infatti stavolta la mano sembra proprio quella dell’ISIS. Ecco allora una rapida carrellata dei maggiori colpi in Afghanistan.

1 gennaio 2015: le forze afghane assumono la piena responsabilità della sicurezza nel Paese.

30 luglio: i Talebani annunciano ufficialmente la morte del mullah Omar, fondatore del movimento. Al suo posto viene nominato il mullah Akhtar Mohammad Mansour.

28 settembre: i Talebani conquistano la città di Kunduz, nel nord del Paese, che tornerà il 5 ottobre sotto il controllo delle forze afghane. Ma nell’ottobre del 2016 la città finisce di nuovo nel mirino dei Talebani.

3 dicembre: il mullah Mansour  è ferito in una sparatoria nel sud del Pakistan.

maggio 2016: il mullah Mansour viene ucciso in un raid di un drone Usa in Pakistan. Il nuovo capo è Haibatullah Akhundzada.

26 luglio: in un raid di un drone Usa viene ucciso Hafiz Sayed Khan, leader dell’Isis in Afghanistan.

22 settembre: il governo afghano firma l’accordo di pace con il gruppo Hizb-i-Islami di Gulbuddin Hekmatyar.

aprile 2017: gli Usa sganciano la ‘madre di tutte le bombe’ (Moab) nella provincia di Nangarhar per colpire covi dell’Isis. Muoiono oltre 90 combattenti .

27 aprile: nella provincia di Nangarhar viene ucciso in un’operazione delle forze Usa e afghane Sheikh Abdul Hasib, emiro dell’Isis.

30 maggio: a Peshawar ucciso in un agguato Haji Farid, esponente di Hizb-i-Islami (Hia).

(video tratto dal canale Youtube del Telegraph)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.