mercoledì, Ottobre 28

Afghanistan, tra coronavirus e scontri armati

0

La pandemia di coronavirus sta rivelando le difficoltà di accesso alle cure sanitarie in tutto il mondo. In Afghanistan, secondo la diffusione del virus è stata facilitata da decenni di conflitti armati e sforzi di ricostruzione che hanno tralasciato il rafforzamento del sistema sanitario afghani.

Stati e istituzioni potenti – affermano i due docenti – sono responsabili della creazione delle condizioni per cui gli afgani sono estremamente vulnerabili alle devastazioni di Covid-19.

Il primo caso di coronavirus in Afghanistan è stato confermato il 24 febbraio 2020, nella provincia di Herat. Dall’8 luglio sono stati confermati 33.594 casi e 936 decessi. Ma, ad esempio, il governo della provincia di Herat ha stimato che nella settimana che precede il 12 giugno, 280 persone sono morte nella provincia del sospetto COVID-19 senza mai vedere un medico.

L’incertezza sulla portata della pandemia in Afghanistan è un sintomo dello sconvolgimento politico e sociale nel Paese. Da diversi decenni l’Afghanistan è stato il palcoscenico di conflitti armati che coinvolgono superpoteri globali. Nel 2001, una coalizione militare guidata dagli Stati Uniti ha invaso il Paese con lo scopo apparente di sconfiggere al-Qaida.

Questi conflitti successivi hanno spostato molti afghani: 1,1 milioni di persone – dicono i due studiosi – sono attualmente sfollate internamente e altri 1,7 milioni di persone sono rifugiati che sono recentemente tornati dall’Iran o dal Pakistan.

Queste popolazioni soffrono di precarie condizioni abitative e lavorative. I conflitti in corso hanno sradicato i cittadini, distrutto infrastrutture come strade e ospedali e aumentato le esigenze del sistema sanitario. Nel 2019, almeno 3.403 civili sono stati uccisi e 6.989 feriti in scontri armati. I professionisti e le strutture sanitarie sono stati spesso presi di mira da gruppi armati e gli afghani – confermano Wilke e Naseemi – citano l’insicurezza correlata ai conflitti come una barriera all’accesso all’assistenza sanitaria.

Poco dopo l’invasione del 2001, gli Stati Uniti e le istituzioni finanziarie internazionali hanno iniziato ad attuare un programma di ricostruzione che ha diretto i contributi internazionali attraverso il Fondo fiduciario per la ricostruzione dell’Afghanistan, che è controllato dalla Banca mondiale. Come riportato dalla giornalista Naomi Klein nel 2005, il fondo “è già riuscito a privatizzare l’assistenza sanitaria rifiutandosi di donare fondi al Ministero della Salute per costruire ospedali. Invece incanala i soldi direttamente alle ONG. ”

Tali agenzie di aiuto costruiscono cliniche e le gestiscono attraverso sovvenzioni e contratti, impedendo lo sviluppo delle capacità del Ministero della sanità pubblica afghana.

Dopo più di 15 anni di governance attraverso le istituzioni finanziarie internazionali, il Fondo monetario internazionale insiste nel dare la priorità a un “bilancio equilibrato” rispetto agli aumenti della spesa sociale anche se riconosce che la spesa del governo afghano per l’assistenza sanitaria è enormemente insufficiente.

Come risultato di questo sottofinanziamento, c’è una carenza di professionisti della sanità: secondo Wilke e Naseemi, in Afghanistan ci sono solo 9,4 professionisti della salute qualificati e 1,9 medici ogni 10.000 persone. Le aree rurali hanno solo 0,6 medici per 10.000 residenti.

Le priorità di finanziamento internazionali hanno travolto il sistema sanitario afghano: le ONG gestiscono molte cliniche specializzate gratuite, ma sono vulnerabili ai tagli ai finanziamenti e dipendono dalle forze internazionali per la sicurezza.

Le cliniche sanitarie pubbliche gratuite – spiegano i due studiosi della Carleton University – sono spesso semplici gusci vuoti. I pazienti riferiscono che le cliniche mancano di personale qualificato e spesso finiscono le medicine essenziali. Di conseguenza, i pazienti affrontano notevoli ostacoli finanziari all’assistenza sanitaria.

Secondo uno studio del 2015, uno su cinque pazienti ha riferito di aver perso un amico o un familiare a causa della mancanza di assistenza sanitaria rispetto all’anno precedente. Questi numeri sono destinati ad aumentare ulteriormente man mano che il coronavirus si espande nel Paese.

A livello nazionale, le spese vive pagate dai pazienti rappresentano fino al 73,3 per cento di tutte le spese sanitarie, i finanziamenti del governo centrale per il 5,6 per cento e i finanziamenti dei donatori internazionali per il 20,8 per cento.

Sebbene oltre la metà degli afghani viva in condizioni di povertà, sono stati tenuti a sostenere la maggior parte del pagamento del proprio sistema sanitario.

La combinazione di conflitti armati prolungati e il sottofinanziamento concertato dell’assistenza sanitaria hanno reso gli abitanti dell’Afghanistan unicamente vulnerabili al virus .

Senza un massiccio sostegno ai servizi sociali e all’assistenza sanitaria, concludono i due docenti,  gli afghani continueranno a scegliere tra COVID-19 e la fame.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore