domenica, Gennaio 24

Afghanistan, lotta contro la poliomelite

0

L’Afghanistan è sempre più intenzionato a combattere la poliomelite. Lanciata nei giorni scorsi una campagna per vaccinare 8,8 milioni di bambini e per cercare di debellare definitivamente il virus nel Paese entro al fine del decennio.

In quella che appare un’impresa titanica, visto che il Paese è vasto e con luoghi difficilmente raggiungibili, sono impegnati 655.000 operatori sanitari, che per tre giorni agiranno su un territorio che da anni sta vivendo una fase endemica della poliomelite. Secondo il ministero della Sanità saranno coinvolti tutti i bambini di età inferiore ai cinque anni in quasi tutte le province afghane, per una campagna porta a porta davvero senza precedenti.

Proprio per questa campagna contro la poliomelite, vera piaga dell’Afghanistan, il ministro della Sanità, Ferozuddin Feroz, ha rivolto un appello alle parti in conflitto affinché non sia ostacolato il lavoro degli operatori sanitari. Ricordiamo che il Paese, insieme al Pakistan e alla Nigeria, l’Afghanistan è uno dei pochi che ancora non hanno debellato la poliomielite. I casi però sono in costante decrescita: dai 20 del 2015 si è passati lo scorso anno a ‘solo’ 13, mentre da inizio anno sono stati 2.

La poliomielite è stata eliminata da varie regioni del mondo, in America, nella regione del Pacifico Occidentale e in Europa nel 2002, ma non è ancora completamente debellata. In Italia, nel 1958, furono notificati oltre 8mila casi di polio. L’ultimo caso nel nostro Paese è stato notificato nel 1982.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.