sabato, Maggio 25

Afghanistan, l’allarme della Nato: più soldati contro il terrorismo

0

Migliaia di soldati in Afghanistan per lottare in maniera più decisa contro il terrorismo. A dirlo il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, secondo cui una decisione definitiva sarà presa nelle prossime settimane. In particolare il capo dell’Alleanza Atlantica ha lanciato un messaggio affinchè tutti i Paesi siano pronti a dare il loro contributo.

Le truppe saranno utilizzate nell’addestramento delle forze locali afghane, «la risposta migliore che abbiamo contro il terrorismo». In particolare nelle ultime ore la Nato, secondo la ‘BBC‘, avrebbe chiesto al Regno Unito di rafforzare il proprio contingente militare in Afghanistan per contrastare più efficacemente l’offensiva dei talebani nel Paese. Ad oggi il contingente militare britannico in Afghanistan conta 500 uomini, perlopiù impegnati nella formazione degli ufficiali dell’Esercito nazionale afgano.

Anche gli Stati Uniti stanno studiando un aumento consistente della loro presenza, con il Pentagono che pare pronto ad inviare a breve altri 5mila militari. Dei 13mila militari della Nato presenti nel Paese, circa 8.400 sono statunitensi.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.