giovedì, Aprile 2

Accadde Oggi: una violenta condanna a chi ha condannato la non violenza 8 novembre 1949: il killer di Gandhi viene condannato a morte

0

Naathuram Godse era un politico e giornalista indiano. I suoi genitori avevano visto morire i suoi tre fratelli maschi maggiori e temevano di essere colpiti da una maledizione: per sfuggire a essa, hanno cresciuto il piccolo Naathuram come una bambina e gli diedero un nome femminile, finché non è nato un altro maschietto, segno che la maledizione, ove mai ci fosse stata, era definitivamente scomparsa.

Con un nome maschile, finalmente, Naathuram ha potuto continuare la propria vita ed è diventato un attivista di movimenti  estremisti di nazionalisti induisti che si prefiggevano lo scopo di raggiungere l’indipendenza indiana e di sovrastare le altre minoranze religiose presenti nel subcontinente, specialmente gli indiani musulmani, verso i quali nutriva una profonda avversione, venata spesso di xenofobia. Scriveva per i loro giornali e partecipava ai loro incontri, frequentati da alcuni dei più radicali leader politici indiani e induisti.

Ma non è per questo che Naathuram è passato alla storia: egli è stato infatti il killer del Mahatma Gandhi, di cui era stato in passato seguace. Naathuram lo accusava, infatti, di essere troppo morbido nei confronti dei musulmani indiani e del mai sopportato vicino Pakistan e per questo motivo lo ha sparato, uccidendolo. L’8 novembre 1949 si è concluso il processo a suo carico, con una condanna a morte per impiccagione. A nulla sono valse le proteste che si sono levate, paradossalmente, proprio dai sostenitori di Gandhi, che avevano fatto propria la dottrina della non-violenza: una settimana dopo, la condanna è stata eseguita e Naathuram Godse muore.

In questo video, possiamo ascoltare le sue ultime parole poco prima dell’esecuzione, in cui prova a spiegare le ragioni che lo hanno spinto a questo gesto, che ha messo fine all’attività e all’esistenza di uno dei più grandi leader della storia e di una delle icone del XX secolo.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore