lunedì, Settembre 23

Accadde Oggi: una linea per salvare il mondo 30 agosto 1963: installata la Linea Rossa fra Mosca e Washington

0

Il clima della Guerra Fredda ha alimentato tutta una serie di teorie e suggestioni che hanno ispirato anche il mondo della narrativa. Romanzi di spionaggio, film sui servizi segreti, racconti talmente surreali da essere, paradossalmente veri. Si parlava di spie dormienti, nascoste in casa propria, pronte ad attivarsi in caso di necessità e comunque sempre attente a carpire informazioni da passare alla propria Madrepatria. Si andavano costruendo armi sempre più sofisticate, letali e segrete; si preparavano veleni pronti per essere ingeriti in caso di arresto e pistole o coltelli sempre più piccoli, da nascondere nei posti più impensabili e da usare per sfuggire alla cattura. In questo marasma, si perde quindi la differenza fra realtà e fantasia: che cosa è vero? Che cosa è, invece, frutto dell’immaginazione di qualche scrittore particolarmente creativo?

Alcune fra quelle che possono sembrare invenzioni di un autore di romanzi sui servizi segreti, tuttavia, sono davvero esistite in realtà. È il caso della famosa ‘Linea Rossa’, la Moscow-Washington hotline’, che collegava le capitali delle due superpotenze protagoniste di quegli anni difficili, in cui anche una semplice incomprensione poteva provocare un disastro. E, in effetti, è stata istituita proprio a seguito di una catastrofe sfiorata: la crisi missilistica di Cuba.

Il 30 agosto del 1963 venne quindi installata la Linea Rossa: il Cremlino e il Pentagono erano messe in comunicazione da due telescriventi e non da due telefoni, come si potrebbe credere. Venne inaugurato solo quattro anni dopo, nel 1967, durante la Guerra dei sei giorni fra Egitto e Israele. Solo nel 1971 la linea fu implementata con l’aggiunta di un telefono.

Benché la Guerra Fredda si sia conclusa da quasi trent’anni e l’Unione Sovietica non esista più, la Linea Rossa è sopravvissuta e si è aggiornata ai tempi moderni: dal 2008, i fax (che avevano rimpiazzato le telescriventi nel 1978) furono rimpiazzati dai computer.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore