martedì, Agosto 11

Accadde Oggi: un miliardo in più 31 ottobre 2011: la popolazione terrestre raggiunge i 7 miliardi

0

La popolazione mondiale continua a crescere a ritmi vertiginosi. La vita di oltre la metà delle persone che abitano il pianeta Terra è durissima, presa com’è fra il fuoco incrociato di malattie, guerra e carestie, ma, nonostante ciò – e nonostante una mortalità infantile che, in certe aree, raggiunge percentuali spaventose – il mondo è sempre più popolato. L’accelerazione esponenziale dei ritmi di crescita è avvenuta all’incirca nel corso del XIX secolo, in corrispondenza della Rivoluzione Industriale che, aumentando i ritmi della produzione industriale, ha, in qualche modo, garantito una migliore qualità della vita, aumentandone l’aspettativa e riducendo progressivamente la mortalità. L’Ottocento e il Novecento, inoltre, sono stati secoli di grandi scoperte scientifiche, che hanno debellato alcune malattie, come il vaiolo, o hanno contribuito a renderne curabili altre. Insomma, molta strada è stata percorsa da quando, nei primi del XIX secolo, la popolazione era di solo un miliardo di persone.

Da allora, volendola tracciare su un grafico, la curva dell’aumento della popolazione mondiale ha percorso una traiettoria tendenzialmente esponenziale, pur con alcune pause in alcuni momenti storici precisi, come, ad esempio, nel corso delle guerre mondiali. Al termine del secondo conflitto mondiale, tuttavia, la popolazione mondiale riprese ad aumentare a ritmi sempre serrati. Se nel 1960 si sono raggiunti i 3 miliardi di abitanti, nel decennio successivo si è arrivati a 4, per toccare i 5 negli anni ottanta e i 6 alla fine del secolo. Sono numeri impressionanti.

Il 31 ottobre del 2011, a soli dodici anni dall’ultimo aggiornamento, si è arrivati a quota 7 miliardi. La data è stata scelta dal Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione come occasione per sensibilizzare sulle vari problemi che attanagliano la popolazione mondiale: a tale scopo, è stato promosso il programma ‘7 Billions Actions’, costituito da sette temi principali che dovranno essere al centro delle politiche dei Governi di un mondo che continua a crescere.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore