martedì, Luglio 16

Accadde Oggi: un cattolico in Giappone 24 settembre 2008: Taro Aso è Primo Ministro

0

Per secoli, il Giappone ha vissuto in un ostinato isolazionismo. Ha cercato in ogni modo di
mantenere intatto il proprio territorio nazionale e la propria cultura da perniciose
influenze esterne e​, ​ancora ​oggi, permane nella popolazione nipponica qualche
retaggio di quel periodo​. Solo alla fine del XIX secolo si sono segnalate le prime timide
aperture, con la possibilità di iniziare rapporti commerciali su base regolare: fu l’inizio di un
periodo di vistosa crescita economica.

L’isolazionismo economico, come detto, era anche culturale. La religione cristiana era un
elemento allogeno alla cultura giapponese e per lungo tempo la vita dei cristiani del
Sol Levante fu costellata di difficoltà.​ Ma, per fortuna, le cose cambiarono: il Giappone si
è aperto al mondo. E fu così che iniziò a esprimere anche elementi prominenti della classe
politica di fede cristiana.

Il primo di questi fu Takashi Hara​, figlio di un samurai, convertitosi al cattolicesimo in età
adulta, che divenne Primo Ministro nel 1918. Rimase in carica fino al 1921, anno in cui morì
assassinato. Fu un personaggio molto particolare: appartenente a una famiglia
tradizionalista​, che si oppose alla vasto processo di riforme passato alla storia come
“Rivoluzione Meiji”, abbandonò i propri titoli e si convertì alla fede cattolica​, pur
mantenendo idee politiche in linea con la sua formazione conservatrice.

Il 24 settembre del 2008, un altro cristiano è diventato Primo Ministro. È Taro Aso, di
religione cattolica, a diventare il settimo cristiano a ricoprire questa carica​, seguito,
l’anno successivo, da Yukio Hatoyama​, battista. Furono Governi brevi, caratterizzati da
instabilità in un periodo difficile per il Giappone. Solo l’arrivo di Shinzo Abe​, nel 2012 (di cui
Aso è vice), porrà fine a questa instabilità. Ma i loro Governi furono l’ulteriore
dimostrazione della fine di quell’isolazionismo che, per lungo tempo, aveva
caratterizzato il Paese del Sol Levante.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore