sabato, Giugno 6

Accadde Oggi: Tienanmen, prove di nazionalismo 4 maggio 1919: a Pechino si protesta contro il Trattato di Versailles

0

Della serie: corsi e ricorsi storici. L’anniversario di oggi riguarda una manifestazione di protesta avvenuta ad opera di studenti in piazza Tienanmen, a Pechino, ma le proteste del 1989, quelle del famoso carro armato fermato da un uomo di cui tuttora non si conosce l’identità, non c’entrano nulla.

Era il 1919 e la Cina era appena uscita sconfitta della Prima Guerra Mondiale. Infatti, anche se per poco tempo, anche il grandissimo Stato asiatico aveva partecipato alla Grande Guerra, alleandosi nel 1917 con le potenze dell’Intesa (Germania, Impero Austro-Ungarico e Impero Ottomano). Alla base dell’accordo c’era la spinosa questione delle concessioni dello Shandong, in mano tedesca, ma al centro di una controversia fra Cina e Germania: in caso di vittoria, i due Stati avrebbero risolto la disputa una volta per tutte. Le cose non andarono come previsto e all’umiliazione della sconfitta si aggiunsero le vessazioni punitive dei trattati di pace (i quali, in un futuro non molto lontano, avrebbero – specialmente in Germania – creato campo libero per stimolare la nascita dei movimenti ultranazionalisti e nazisti). Anche la Cina dovette sottostare alle imposizioni dei trattati di pace, a quello di Versailles, in particolare: alla Germania furono tolte le concessioni dello Shandong, ma furono affidate al Giappone, lo storico nemico della Cina.

Questo venne vissuto come un affronto e il 4 maggio 1919 si levò in piazza Tienanmen un vastissimo movimento di protesta, composto perlopiù da studenti, contro il Trattato di Versailles. Il Movimento del Quattro Maggio muoveva aspre critiche anche al Governo cinese, ritenuto troppo debole e in balia delle potenze coloniali, complice dell’umiliazione subita dal grande Stato asiatico.  Richiedevano ad alta voce di porre fine a decenni di colonialismo in Cina e di abbandonare la tradizionale visione confuciana dello Stato, per adottare modelli ritenuti più moderni. Nasceva così il nazionalismo in Cina: i trattati di pace della  Grande Guerra stavano per causare altre guerre.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore