domenica, Giugno 16

Accadde Oggi: Sankara, uomo integro 15 ottobre 1987: Thomas Sankara viene ucciso

0

Nelle lingue mossi e bambara, ‘Burkina Faso’ significa ‘Terra degli uomini integri’. Andò a sostituire il precedente nome di questo Stato, un tempo chiamato Alto Volta. A cambiarlo fu Thomas Sankara, uno dei più grandi e importanti capi di Stato espressi dal continente africano.

Vicino alle posizioni marxiste-leniniste, grande sostenitore del movimento dei Paesi non allineati, Sankara era conosciuto per il suo carisma, per il suo sapersi rivolgere alle fasce più deboli della popolazione e per rifuggire, a differenza di molti uomini di potere, ogni forma di arricchimento personale. Di formazione militare, si oppose strenuamente contro l’imperialismo e il neocolonialismo. Ebbe contatti con tutto il mondo non schierato con i due blocchi, sviluppando così una grande apertura mentale. Nel 1984, a seguito di un colpo di Stato nell’Alto Volta, divenne Presidente. L’anno successivo, ne cambiò il nome in Burkina Faso.

La sua Presidenza fu caratterizzata dal tentativo di rendere autosufficiente il proprio Paese, attuando una politica volta al benessere della propria popolazione, attraverso la costruzione di ospedali e scuole. Riconobbe nell’AIDS una delle piaghe dell’Africa moderna e fece il possibile per contrastarne la diffusione. Rifiutò pubblicamente di pagare i debiti di origine coloniale, scatenando le ire di parte del mondo occidentale, e condannò sia l’intervento sovietico in Afghanistan che quello americano sull’isola di Grenada.

Il 15 ottobre 1987, un attentato uccise Sankara, che venne definito, per impatto e personalità, il ‘Che Guevara d’Africa’. La sua morte avvenne, in circostanze ancora da chiarire del tutto, per mano di Blaise Compoaré, suo vice ed ex compagno d’armi. Divenuto Presidente a seguito di un ulteriore golpe, Compoaré negò ogni responsabilità, che vennero tuttavia accertate. Dietro Compoaré (che solo di recente è stato allontanato dal potere) c’era l’appoggio della Francia e degli Stati Uniti.

La Terra degli uomini integri perdeva così il suo figlio più integro.

https://youtu.be/KmXj3slmSdo

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore