mercoledì, Settembre 30

Accadde Oggi: Pelé, sono 1000 19 novembre 1969: Pelé segna il suo 1000° gol

0

Quando uno sport è il più seguito all’interno di una comunità, di qualsiasi tipo essa sia, non è più solo un gioco. Diventa qualcosa di più, parte della cultura di un posto, espressione dei valori della comunità, possibilità di riscatto per i più svantaggiati, ma anche semplice svago, valvola di sfogo, distrazione dalla routine quotidiana. Gli spettatori, con un misto di ammirazione e invidia, guardano chi calca i campi di calcio: coloro che sono riusciti a rendere quello svago il proprio lavoro, trasformando il gioco in professione.

Lo step successivo alla professionalizzazione di uno sport è la sua mitizzazione. Il giocatore, diventato professionista, compie un’ulteriore trasformazione, diventando leggenda, a metà fra l’umano e il divino, in grado di fare cose che gli esseri normali non sono in grado nemmeno di pensare. E quando si sfocia nel mito non c’è più limite all’esagerazione: gli eroi dello sport diventano veri e propri semidei.

Il calcio è con ogni probabilità lo sport più seguito al mondo o, comunque, il più popolare. Pochissimi fra quanti lo praticano, o lo hanno praticato in passato, possono tuttavia mostrare con orgoglio il distintivo di ‘dio del football’. Fra questi pochissimi, uno è sicuramente Edson Arantes Do Nascimento, meglio noto con il soprannome di Pelé.

Nato il 23 ottobre del 1940, Pelé è stato forse il primo a essere considerato il giocatore più forte di tutti i tempi. Il suo Brasile ha segnato un’epoca ed è stato fonte di ispirazione per intere generazioni. A fondare la sua leggenda non ci sono solo i risultati straordinari e le vittorie epiche, ma le sue giocate, la sua intelligenza calcistica e la sua unicità sul campo. E il 19 novembre del 1969 è un giorno importante per la sua personalissima storia. Mentre vestiva la maglia del Santos, a cui ha legato il suo nome per gran parte della sua carriera, ha segnato il suo 1000° gol in carriera. Un gol su rigore, semplice e perfetto, a coronamento di una carriera leggendaria.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore