mercoledì, Settembre 30

Accadde Oggi: ONU sempre più internazionale 19 settembre: l’ONU ha sedici nuovi membri

0

La Seconda Guerra Mondiale si era conclusa da poco, dopo sei anni di scontri in cui era stato raggiunto un livello di atrocità e violenza mai toccate prima. Sul campo di battaglia e non solo, decine di milioni di persone avevano perso la vita e tutta l’umanità era rimasta toccata dalla più grande tragedia della storia del mondo. Bisognava assolutamente evitare di creare nuovamente i presupposti che avrebbero portato all’esplosione di un nuovo conflitto che, questa volta, avrebbe avuto conseguenze definitive e letali per la vita sulla Terra. Così, il 24 ottobre del 1945, si costituì l’Organizzazione delle Nazioni Unite, che si propone l’obiettivo di promuovere la cooperazione fra gli Stati sovrani e favorire la risoluzione di eventuali conflitti evitando, quando possibile, lo scontro armato.

Anche dopo la Grande Guerra si era creata un’organizzazione che si propone compiti simili: la Società delle Nazioni. Fra i motivi che portarono al suo fallimento si può indicare il fatto che gli Stati Uniti, fra i più assidui sostenitori della sua costituzione, non siano poi entrati a farne parte. La Società delle Nazioni, quindi, perdeva sul nascere uno dei principali protagonisti. L’Onu, pertanto, doveva essere rappresentativo di tutti gli Stati del mondo: dai più grandi ai più piccoli.

Il 19 settembre è un giorno molto importante, in questo senso. In questo giorno, anche se in anni diversi, molti Stati entrarono a far parte dell’ONU. Un gran numero fra questi era costituito da Paesi che avevano da poco raggiunto l’indipendenza a seguito dei processi di decolonizzazione. Il 1960 fu un anno molto intenso, da questo punto di vista. Quell’anno entrarono a far parte dell’ONU ex colonie come l’Alto Volta (oggi Burkina Faso), il Dahomey (oggi Benin), il Madagascar, il Ciad, il Camerun, il Niger, la Repubblica Centrafricana, la Repubblica del Congo, la Costa d’Avorio, il Gabon, la Somalia e il Togo. Insieme a loro, anche Cipro divenne un Paese membro. Nel 1966 fu la volta del Guyana, mentre nel 1977, invece, fu il turno del Vietnam, da poco uscito dalle note vicende belliche, e del Gibuti, piccolo Stato del Corno d’Africa.

In questo giorno, ben 16 membri si aggiunsero all’ONU, rendendola un’organizzazione sempre più internazionale.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore