domenica, Aprile 5

Accadde Oggi: Monaco, Medioriente 5 settembre 1972: massacro di Monaco

0

Non sempre il conflitto israelo-palestinese si è combattuto in Medio Oriente. La guerra, che, fra alti e bassi, dura da decenni e di cui ancora oggi si stenta a vedere la fine, ha assunto nel corso del tempo forme e caratteri estremi, fino a giungere a quelli della strage. Lontano dal territorio israeliano (o palestinese), in tutti i sensi distanti dal teatro dello scontro e dalle sue atmosfere di morte, il 5 settembre del 1972 si consumò una delle pagine più tristi e drammatiche del conflitto.

A Monaco, nel 1972, si tenevano i Giochi Olimpici. Era la XX edizione delle Olimpiadi, la prima in territorio tedesco dopo i famigerati Giochi di Berlino del 1936, tenuti sotto il regime di Adolf Hitler. Iniziavano il 26 agosto, per concludersi l’11 di settembre. Il motto di questa edizione era “The Happy Games” e il contesto festoso dell’evento non faceva presagire la tragedia imminente.

Il 5 settembre era appena cominciato e si apprestava a essere un giorno come tanti altri, al villaggio olimpico di Monaco. Gli atleti della delegazione israeliana stavano riposando, quando, un commando di terroristi palestinesi, si introdusse nei loro appartamenti. Erano membri dell’organizzazione terroristica Settembre Nero, già resasi protagonista in passato di attentati. Avevano così rapito gli undici atleti della squadra israeliana ed erano pronti a tutto: Yossef Romano, pesista, fu ucciso e posto come monito verso gli altri ostaggi. Dopo ore di trattative estenuanti, venne organizzato il trasporto dei terroristi e degli sportivi. L’aeroporto di Furstenfeldbruck fu teatro dell’ultimo, tragico atto.

La polizia tentò di far cadere in trappola gli otto terroristi, ma qualcosa andò storto: errori di comunicazione  e cattivo equipaggiamento crearono i presupposti per una strage. La sparatoria che ne conseguì portò alla morte di tutti gli ostaggi e di buona parte dei terroristi. Furstenfeldbruck era diventato l’inferno.

https://youtu.be/BGTFn25clr4

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore