domenica, Ottobre 25

Accadde Oggi: la Corea è giapponese 22 agosto 1910: il Giappone annette la Corea al proprio impero

0

La Corea, specialmente da quando Kim Jong-un ha preso il potere al Nord, è una delle aree più delicate del mondo. Qualsiasi battito d’ali proveniente dalla penisola asiatica potrebbe generare tornado di portata devastante oltreoceano e, di conseguenza, nel resto del mondo. Sullo scacchiere internazionale, ha iniziato ad acquisire rilevanza solo da quando, in conseguenza della Guerra di Corea, è stata suddivisa in Nord e Sud: allora era uno dei tanti campi in cui si respiravano i concreti riflessi della Guerra Fredda, per diventare in seguito uno degli ultimi residuati in cui ancora si affrontano i due modelli economico-politici rivali, finendo per ritrovare un nuovo significato ai giorni nostri. Ma, ovviamente, la Corea esisteva anche in precedenza: la sua storia non è mai stata fra le più semplici.

Il 22 agosto del 1910 fu uno dei momenti chiave della storia coreana. La Corea era stata vittima dell’espansionismo del Giappone, che, dopo secoli di isolamento, si era aperto al mondo e riteneva necessaria la costituzione di un impero coloniale sul modello europeo. La penisola coreana rispondeva a una serie di parametri che la rendevano strategica da un punto di vista economico, politico e militare: la sua morfologia la rendeva un porto perfetto, permetteva al Giappone un approdo sicuro sul continente ed era eccellente per le mire espansionistiche giapponesi verso la Cina e la Russia. Già protettorato giapponese a seguito del trattato nippo-coreano del 1905, solo cinque anni dopo, la Corea divenne parte integrante dell’Impero nipponico, a seguito di un controverso trattato. Nel 1909, un nazionalista coreano aveva assassinato Hirobumi Ito, politico giapponese, responsabile dell’apertura al mondo dell’Impero nipponico: l’annessione forzata fu anche una risposta a questo omicidio.

La Corea rimase parte del Giappone fino al 1945, a seguito della fine della Seconda Guerra Mondiale. Ma la storia della Corea unita sarebbe durata poco.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore