giovedì, Gennaio 23

Accadde Oggi: Jassin, la Grande Guerra in Africa 18 gennaio 1915: inizia la battaglia di Jassin

0

Quando pensiamo alla Prima Guerra Mondiale, siamo abituati a considerare l’Europa come unico teatro delle battaglie della Grande Guerra. Sappiamo che c’è stato un fronte occidentale, uno orientale, conosciamo le vicende italiane, con Caporetto e Vittorio Veneto, immaginiamo che ci possa essere stata qualche battaglia navale nell’Oceano Atlantico e nel Mare del Nord. Ma le potenze in ballo negli scontri del primo grande conflitto novecentesco possedevano colonie in tutto il mondo, specialmente in Africa e, in quanto propaggini extraeuropee degli Stati protagonisti della guerra, anche le colonie africane si scontravano in sanguinosissime battaglie.

Il 18 gennaio del 1915, per esempio, iniziò la battaglia di Jassin, parte della campagna dell’Africa Orientale Tedesca, combattuta fra Impero germanico e Impero britannico, che poteva anche contare su un contingente indiano. La battaglia fu combattuta nei territori dell’Africa Tedesca Orientale (Ostafrika), corrispondente pressappoco agli odierni Ruanda, Tanzania e Burundi, e fu vinta dall’esercito tedesco guidato dal generale Paul Emil von Lettow Vorbeck. Il piccolo paese di Jassin, benché fosse un possedimento tedesco, era situato proprio sul confine fra l’Africa Orientale Tedesca e l’Africa Orientale Britannica.

In questo piccolo villaggio si erano già combattute altre battaglie, con protagonisti sempre la Germania e l’Impero britannico. L’esercito coloniale tedesco, chiamato Schutztruppe e composto, dalle truppe regolari e dagli ascari africani fedelissimi al generale Lettow Vorbeck, e coadiuvato da volontari arabi, riuscì a ottenere una significativa vittoria, nella battaglia che si concluse il 19 gennaio 1915. Tuttavia, entrambi gli schieramenti subirono perdite significative, tanto che lo stesso generale Lettow Vorbeck fu costretto, per limitare le perdite, ad adottare, per gli scontri successivi, la tattica della guerriglia.

Nel video, un ritratto del generale Lettow Vorbeck, soprannominato il ‘Leone d’Africa’ per i suoi successi militari nel  Continente Nero: fu l’unico generale tedesco a concludere imbattuto una campagna militare della Prima Guerra Mondiale.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore