sabato, Ottobre 24

Accadde Oggi: Indipendence Day … a Manila 4 luglio 1946: indipendenza delle Filippine

0

Il 4 luglio è la festa per eccellenza degli Stati Uniti: si celebra infatti la firma della Dichiarazione d’Indipendenza del 1776, che, di fatto, sancì l’inizio della loro storia. Ma non è l’unico anniversario di indipendenza che viene festeggiato oggi e, in un certo senso, gli Usa sono nuovamente coinvolti.

Le Filippine furono a lungo una colonia spagnola e ancora oggi si possono notare gli effetti di questa colonizzazione. Lo stesso nome dell’arcipelago deriva dal re spagnolo Filippo II, in onore del quale fu rinominato. Varie vicissitudini storiche portarono queste isole a diventare possesso statunitense, a seguito della guerra ispano-americana del 1898. Fu un conflitto a suo modo storico, perché fu fra i primi vinto da uno Stato non-europeo, benché il suo popolo fosse in larghissima parte originaria dell’Europa – a tal proposito, non va confuso con la guerra russo-giapponese vinta dagli asiatici, primo conflitto con risultato favorevole a una nazione non bianca.

Sotto il dominio americano, venne accordato alle Filippine uno status di semi-autonomia, volto a far loro ottenere l’indipendenza. Questo processo ebbe una brusca interruzione nel corso della Seconda Guerra Mondiale, quando il Giappone occupò le isole delle Filippine. Era il 1942 e fu uno dei momenti più duri della storia dell’arcipelago. Sotto l’occupazione nipponica si registrarono atrocità come la marcia della morte di Bataan, che costò la vita a decine di migliaia di persone. Tuttavia, i successi americani nel Pacifico permisero agli Stati Uniti, guidati da Douglas McArthur, di riprendersi le Filippine: la guerra era ormai finita e poteva riprendere il processo per l’indipendenza dell’arcipelago. E così fu: a quasi un anno dal termine del secondo conflitto mondiale, le Filippine ottennero l’indipendenza. Era il 4 luglio del 1946.

Pertanto, oggi non si festeggerà l’indipendenza solo a Washington, ma anche le strade di Manila saranno piene dei colori della bandiera delle Filippine: rosso, bianco e blu. Curiosa coincidenza: sono gli stessi (pur con tonalità diversa) della bandiera americana.

https://www.youtube.com/watch?v=a17C8N7c9Gw

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore