giovedì, Gennaio 23

Accadde Oggi: in Polonia nasce Solidarnosc 17 settembre 1980: a Danzica nasce il famoso sindacato cattolico

0

Danzica (Gdansk, in polacco) è una città di importanza strategica. Di origine tedesca, passò sotto la Polonia a seguito del trattato di Versailles, che regolava le condizioni per la fine della Prima Guerra Mondiale, in cui la Germania risultò sconfitta. L’importanza di questa città, che permetteva alla Polonia l’accesso al Mare del Nord, tornò a farsi sentire quando, alla vigilia del secondo conflitto mondiale, la Germania nazista fece di tutto per farla tornare in suo possesso: il famoso corridoio di Danzica, che collegava la Prussia orientale al resto della Germania, fu una delle ragioni che spinsero Hitler a invadere la Polonia.

A Danzica ci sono un porto e cantieri navali molto importanti. Nel 1980, questi furono sedi di grandi sollevazioni e proteste da parte dei lavoratori: in questo ambiente carico di tensioni e fermenti nacque il Sindacato Autonomo dei Lavoratori ‘Solidarnosc’ (Niezalezny Samorzadny Zwiazek Zawodowy ‘Solidarnosc’), che si sarebbe rivelato fondamentale per i successivi anni della storia polacca. Era il 17 settembre.

Reso ufficiale nel novembre di quell’anno, raccolse oltre 9 milioni di iscritti nel giro di un anno. Di ispirazione cattolica, raccolse le simpatie di tutti gli ambienti anticomunisti e, a causa della sua pericolosità, venne messo fuori legge dal generale Wojciech Jaruzelski, da poco leader della Polonia comunista a seguito di un colpo di Stato: la legge marziale da lui imposta non risparmiò il sindacato cattolico. Il suo leader era il futuro Presidente polacco e premio Nobel per la pace del 1983 Lech Walesa, che venne arrestato.

Bisognerà aspettare il 1989 affinché Solidarnosc potesse tornare legale e, nell’anno del crollo del muro di Berlino, poter concorrere alle elezioni parlamentari. Nel 1996 si sarebbe costituita una coalizione di partiti chiamata Azione Elettorale Solidarnosc (Akcja Wyborcza Solidarnosc), costituenti il braccio politico del famoso sindacato di ispirazione cattolica.

Ad oggi, il Solidarnosc raccoglie meno di 500 mila iscritti.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore