venerdì, Ottobre 2

Accadde Oggi: il Siam ha la costituzione 27 giugno 1932: Rama VII firma la costituzione

0

Si è abituati a pensare ai colpi di Stato militari (o ai golpe, in generale) come un preludio a una fase autoritaria, quando non apertamente dittatoriale, della vita politica dei Paesi in cui essi hanno luogo. Generalmente, gli alti quadri della gerarchia militare intervengono con l’obiettivo dichiarato di riportare ‘ordine’, il che spesso implica l’attuazione di una politica meno tollerante, meno libertaria – se non liberticida – accompagnata da una serie di più o meno cruente purghe contro i rappresentanti del vecchio corso e gli oppositori del nuovo regime.

Tuttavia, a ben vedere, non sempre è così. Un esempio contrario a questa generica tendenza è offerto dalla rivoluzione siamese del 1932, quando un colpo di Stato incruento, organizzato e portato avanti da alcuni militari, ha posto fine al regime assolutistico, in favore di una monarchia costituzionale. Anni prima del golpe, giovani attivisti e studenti, perlopiù militari, avevano iniziato un’intensa attività di preparazione: erano mossi dagli ideali appresi negli anni trascorsi a studiare in Europa e intendevano iniziare un nuovo corso in Tailandia, allora Regno del Rattanakosin. A tal fine, avevano fondato clandestinamente il Partito Popolare (Khana Ratsadon in tailandese).

Tutto si sviluppò rapidamente: preparato in gran segreto, il 24 giugno del 1932 i militari occuparono i mezzi di comunicazione, bloccarono il Ministero dell’Interno e dichiararono caduta la Monarchia assoluta, minacciando l’instaurazione di una  Repubblica nel caso in cui Re Rama VII, quel giorno lontano da Bangkok, non avesse concesso la Costituzione. E così, effettivamente, avvenne: il 27 giugno 1932 il firmò la Costituzione, rendendo monarchia costituzionale quella che da allora si chiamò Regno di Siam. La figura del monarca perse ogni prerogativa di potere, diventando esclusivamente garante dell’unità del Paese e occupandosi di compiti puramente formali. Si apriva così una nuova era della Storia politica e istituzionale siamese, anche se non sarebbero mancati, negli anni successivi, tentativi di ribaltare l’assetto raggiunto dalla Costituzione del 1932.

https://m.youtube.com/watch?v=-17TSd1Kxuw

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore