venerdì, Febbraio 22

Accadde Oggi: gli ultimi passi lunari 13 dicembre 1972: Schmitt e Cernan iniziano l’ultima uscita sulla Luna

0

Tutti ricordano il primo sbarco sulla Luna, compiuto da Neil Armstrong e Buzz Aldrin il 20 luglio del 1969, nell’ambito della missione Apollo 11. Del famoso allunaggio si è parlato, sono stati scritti libri e girati film. Sono state fatte ricostruzioni, approfondimenti e documentari e, data la natura eccezionale e pionieristica dell’avvenimento, sono sorte pressoché immediatamente le prime teorie complottistiche. Era possibile andare sulla Luna con la tecnologia di allora? E se fosse stata una ricostruzione cinematografica? Gli Usa avrebbero potuto ‘inventarsi’ il tutto per vincere la battaglia tecnologica con l’Unione Sovietica, che si era dimostrata più avanti nella conquista dello spazio… Ma queste ipotesi di complotto non reggono la prova del tempo.

In pochi però ricordano quella che, ad oggi, è l’ultima passeggiata sul suolo lunare, iniziata il 13 dicembre del 1972 e terminata nelle prime ore della giornata successiva, a opera di Eugene Cernan e Harrison Schmitt, all’interno della missione Apollo 17. Erano previste tre diverse EVA (extra-vehicular activity), nelle quali Cernan e Schmitt, coordinati da Ron Evans (rimasto a bordo), hanno condotto esperimenti, fatto misurazioni e raccolto materiale – oltre 100 kg di rocce e detriti.

La missione Apollo 17 stabilì molti record. Fra questi, va ricordato quello per il maggior numero di giorni su suolo lunare – 3 giorni e 3 ore – e per il maggior numero di ore complessive di EVA – poco più di 22 ore di ‘passeggiate lunari’, l’ultima delle quali iniziata il 13 dicembre. I due astronauti si sono spartiti due primati: Schmitt è l’ultimo uomo ad aver messo piede sul satellite terrestre, mentre Cernan è l’ultimo ad aver abbandonato la Luna.

Con Schmitt e Cernan il numero di esseri umani ad aver messo il piede sul suolo lunare è salito a 12 e da 46 anni questo dato non è più stato aggiornato. Chi saranno i prossimi camminatori sulla Luna?

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore