domenica, Ottobre 25

Accadde Oggi: crolla il ponte vecchio di Mostar 9 novembre 1993: lo Stari Most cade sotto le bombe in Bosnia

0

Lo Stari Most era un ponte. Era stato costruito nel lontanissimo 1566, per cui non deve stupire il fatto che, tradotto, il suo nome, significhi ‘Ponte Vecchio’. Si trovava in quello splendido ma difficile crogiolo di culture che è la Bosnia, a Mostar, precisamente, e per secoli aveva unito due sponde di una terra molto incline a dividersi.

A causa della complessa storia di queste zone, fatta di lunghe dominazioni straniere, per secoli in Bosnia sono convissute entità etnico-culturali diverse, come quella serbo-ortodossa, quella croato-cattolica e quella bosniaco-musulmana. Non era mai stata una convivenza facile, come prevedibile, visto il carattere forte della gente di quei posti, ma nulla faceva presagire gli inauditi livelli di brutalità e violenza raggiunti negli anni della dissoluzione della Jugoslavia, nella famigerata guerra in Bosnia, dal 1992 al 1995. Un numero spropositato di vittime, ancor più di feriti, lievi, gravi e gravissimi. Famiglie distrutte, infanzie sconvolte per sempre e violenze sistematiche nei confronti della popolazione civile.

La guerra, quella guerra in particolare, non ha guardato in faccia proprio a nessuno e a farne le spese, il 9 novembre 1993, dopo 427 anni di vita, è stato anche lo Stari Most, che è crollato sotto le esplosioni delle bombe del conflitto bosniaco. Le immagini proposte in questo video sono difficili da guardare senza provare anche solo un minimo accenno di triste commozione: vedere come questo ponte imponente, di una bellezza antica, è resistito strenuamente al bombardamento continuo con la forza della propria antica Storia, per poi crollare, d’un colpo, inesorabilmente, ci può dare un piccolo assaggio delle difficoltà di un popolo a resistere a tanta disumana distruzione.

Un ponte, nato per unire popoli, lingue, culture e religioni, è così diventato il segno tangibile della divisione lancinante di quelle martoriate terre, la cui pace è ancora oggi retta su un precario compromesso.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore