martedì, Luglio 16

Accadde Oggi: Crimea, ieri e oggi 30 novembre 1853: battaglie di Sinope, la Guerra di Crimea entra nel vivo

0

Nell’ormai eterno conflitto che contrappone la Russia all’Ucraina, una delle zone più calde è la Crimea. Penisola protesa sul mar Nero, è contesa fra i due Stati e periodicamente si ravviva il mai spento fuoco della guerra. In questi giorni, le tensioni sono aumentate vertiginosamente, con l’incidente sul Mare d’Azov, che ha visto le truppe russe catturare dei militari ucraini, colpevoli, a detta dei primi, di essere entrati nelle acque territoriali del grande Stato eurasiatico. Quattro anni dopo l’annessione della Crimea con un referendum contestatissimo, il cui risultato non è stato riconosciuto da buonissima parte della comunità internazionale, la penisola sul Mar Nero torna al centro dell’attenzione mondiale: i venti di guerra sono tornati a spirare fortemente.

Facendo un salto indietro di qualche secolo, ci si accorge dell’importanza strategica e storica che riveste quell’area. Nel 1853, l’Ucraina era parte dell’immenso Impero Russo, ma le tensioni sul Mar Nero erano comunque alle stelle: lo zar era in guerra con il sultano. L’Impero Ottomano si avviava a entrare in una spirale discendente che l’avrebbe portato all’inevitabile dissoluzione al termine della Grande Guerra. Le tensioni con la Russia riguardavano la gestione dei luoghi sacri del cristianesimo presenti sul territorio ottomano, che erano stati affidati alla Francia. Con l’attacco dei russi, iniziò la Guerra di Crimea.

Lo scontro, che sembrava essere limitarsi a una questione fra i due giganti alla periferia dell’Europa, si trasformò in qualcosa di più grande. Il 30 novembre del 1853 si accese la miccia che portò al coinvolgimento della Francia, dell’Inghilterra e del Regno di Sardegna, che approfittò del conflitto per avvicinarsi diplomaticamente all’Impero Francese, con cui allearsi per le sue mire unitarie (il calcolo di Cavour si rivelò corretto). A Sinope, sulla costa turca, la Russia attaccò a sorpresa le navi ottomano, distruggendo a cannonate la maggioranza di queste. L’attacco russo venne usato come casus belli da parte di Francia e Inghilterra, che entrarono nel conflitto nel 1854: la Guerra di Crimea entrò nella sua fase decisiva.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore