sabato, Ottobre 24

Accadde Oggi: Comunisti vs Nazionalisti, ultimo round 7 marzo 1947: riprende la guerra civile cinese

0

Prima che la Cina diventasse comunista, ha passato lunghissimi anni in preda a una lancinante guerra civile fra forze comuniste e nazionaliste. Mao Zedong contro Chiang Kai-shek, il leader del partito nazionalista Kuomintang, è stata la lotta politica, militare e sociale che ha tenuto banco per decenni. Fra fasi alterne, gli scontri avvennero in un arco di tempo che va dal 1927 al 1950, anno in cui prevalsero definitivamente i rossi.

Lo scontro fratricida si fermò in occasione dell’attacco giapponese, che voleva approfittare dell’instabilità politica dei loro vicini. Truppe nazionaliste e comuniste fermarono gli scontri e si unirono per fronteggiare il nemico comune: la Seconda guerra sino-giapponese (1937-45) avvenne in concomitanza della Seconda Guerra Mondiale; si può dunque dire che le bombe di Hiroshima e Nagasaki posero quindi fine a due conflitti. Al termine di questa, non passarono neanche due anni che riprese la guerra civile per l’ultimo, decisivo, definitivo momento.

Il 7 marzo 1947 iniziò l’ultima fase, che fu, in piccolo, l’anticipazione di quella che sarebbe poi stato il leitmotiv dei decenni successivi, ossia la Guerra Fredda: i nazionalisti, supportati dagli Usa, e i comunisti, appoggiati dai sovietici. Quando nel 1949 le truppe comuniste conquistarono Pechino, si capì che ormai i nazionalisti avevano perso ogni speranza di prevalere nel lunghissimo conflitto: Chiang Kai-shek e i suoi, dopo aver tentato una vana ultima resistenza, ripararono nell’isola di Taiwan dove, ancora oggi, persiste quella che chiamano ‘Repubblica di Cina’, che formalmente reclama di essere la legittima rappresentante del mondo cinese.

Viceversa, la ‘Repubblica Popolare di Cina’, quella nata con Mao, considera formalmente Taiwan come parte integrante del proprio territorio. Per questa ragione, per molti anni il seggio cinese dell’Onu fu occupato da rappresentanti della ‘Repubblica di Cina’, ossia di Taiwan. Nel video un’intervista a Chiang Kai-shek, prima di essere costretto ad abbandonare quello Stato che i propri discendenti politici di Taiwan considerano ancora proprio.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore