lunedì, Novembre 11

Accadde Oggi: caldo record in Antartide 5 gennaio 1974: si registrano i +15° centigradi in Antartide

0

Tutti noi, nelle torride estati degli ultimi anni, abbiamo pensato almeno una volta di vendere tutto e trasferirci in Antartide a goderci un po’ di gelo polare. E, in effetti, i nostri desideri in Antartide verrebbero soddisfatti, anche se con ogni probabilità lo sarebbero ben oltre ogni nostra aspettative. Il sesto continente, per la sua posizione che lo pone perlopiù al riparo dai raggi solari, che non riescono a raggiungere con la giusta inclinazioni le gelide terre antartiche, è infatti l’angolo di mondo più freddo di tutti.

Rilevazioni nel corso degli anni hanno segnalato temperature bassissime, al limite dell’umana comprensione: la temperatura più bassa mai registrata è di -89° centigradi, mentre alcune stime fatte via satellite indicano una temperatura, in certe aree prive di centri di rilevazione, prossime ai -93° centigradi. Per non parlare dei venti, che possono raggiungere i 220 chilometri orari (il record è strabiliante: ben 360!). Un freddo da lupi, si direbbe in italiano, ma i lupi probabilmente non sarebbero d’accordo. Nonostante queste temperature estreme (in alcune zone dell’Antartide non si raggiungono mai i 0°C), il 5 gennaio 1974 si è registrato un piccolo, grande record: sono stati rilevati i +15° centigradi, a oggi la temperatura più alta mai raggiunta in Antartide.

Il punto, rilevato nei pressi della base neozelandese di Vanda, è in prossimità della zona costiera del continente ghiacciato, dove è possibile, in una certa misura, anche la vita, altrove assolutamente fuori portata per ogni tipo e specie di essere vivente. Provate a dare uno sguardo ai paesaggi presentati nel video: la natura selvaggia è al suo picco massimo di bellezza, i panorami mozzano (letteralmente) il fiato, il pianeta Terra mostra il suo volto più puro e forte, ma tutto ciò non è compatibile con la vita. A vedere queste immagini e a leggere le temperature, viene quasi voglia di rimpiangere i 35° del torrido luglio italiano.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore