domenica, Novembre 17

Accadde Oggi: Australia, una nuotata fatale 17 dicembre 1967: scompare il Primo Ministro Holt

0

Il nome di Harold Holt non dirà nulla a molti, ma è l’infelice protagonista di uno dei momenti più dolorosi della storia d’Australia. Egli è stato Primo Ministro dell’isola-continente per quasi due anni dal 26 gennaio del 1966 al 17 dicembre del 1967. Ma quel giorno di 52 anni fa, non cadde il Governo, non si dimise dalla carica o non si tennero nuove elezioni. Harold Holt scomparve e di lui non si ebbe più notizia.

Membro del Partito Liberale, Holt aveva preso il posto di Robert Menzies, Primo Ministro rimasto in carica per ben 17 anni, dal 19 dicembre del 1949 al 26 gennaio del 1966. Raccoglieva quindi un’eredità pesante. Di professione avvocato, era sposato e aveva tre figli. Nel tempo libero gli piaceva stare all’aria aperta: infatti, era un amante dell’esercizio fisico e, quando gli impegni glielo consentivano, praticava tennis e nuoto. Il suo medico gli aveva consigliato di ridurre lo sforzo fisico: un infortunio alla spalla riportato in gioventù lo costringeva a prendere antidolorifici e a sottoporsi a fisioterapia.

La mattina del 17 dicembre, Harold Holt andò a fare compere. Fra le varie cose, prese anche un giornale, che, fra i vari articoli, ne aveva uno intitolato: “Il medico consiglia al Primo Ministro di nuotare di meno”. Fuori con amici, si recò a Cheviot Beach, dove decise di fare una nuotata: andò sempre più al largo, ma non fece più ritorno, probabilmente sopraffatto dalle forti correnti. Il Primo Ministro d’Australia non c’era più. A nulla valsero le ricerche dei giorni successivi e Holt fu dichiarato morto in absentia.

Oltre alle naturali ipotesi di complotto (Holt ucciso dalla CIA? Rapito dai cinesi? Ha finto la propria morte per scappare con l’amante?), la scomparsa dei Primo Ministro ha colpito molto l’immaginario australiano, diventando uno delle cesure nella storia dello Stato. Ci fu un prima e un dopo quella nuotata: a farne le spese, un povero avvocato con la passione dello sport.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore