giovedì, Luglio 18

Accadde Oggi: alla conquista della luce 12 novembre 2003: lo Shanghai Transrapid raggiunge i 501 km/h

0

La velocità della luce è di 300mila chilometri al secondo. È una misura limite, ritenuta impossibile da superare: è un valore talmente elevato da essere pressoché impensabile. Non si può razionalmente capire che cosa significhi che la luce percorra una distanza così grande in un tempo così piccolo. Che cosa succederebbe se si riuscisse ad andare più veloce della luce? Non si sa con certezza e, probabilmente, lo si può solamente supporre con un certo margine di sicurezza.

Mettendo i piedi per terra – o, meglio, sulla Terra – ci si trova a che fare con velocità nettamente inferiori. Non è possibile superare la velocità della luce, ma si può, invece, superare quella del suono. La velocità del suono, a differenza da quella della luce che si propaga anche nel vuoto, ha bisogno di un mezzo. In base al mezzo, cambia il proprio valore: in condizioni standard (nell’aria e a 20° C di temperatura) è di ‘soli’ 343,8 metri al secondo, che significa 1237,68 chilometri orari. Velocità elevatissima, ma non impossibile da superare: gli aerei supersonici possono rompere il muro del suono con relativa facilità.

I mezzi terrestri, invece, hanno qualche difficoltà in più a raggiungere velocità pazzesche, soprattutto se si tratta di veicoli pensati per essere utilizzati tutti i giorni e non qualche strano prototipo uscito dal laboratorio appositamente per battere record. Ma, il 12 novembre, è un giorno importante in questo senso. Nel 2003, durante un test, il treno a levitazione magnetica cinese Shanghai Transrapid, (detto Maglev, da Magnetic Levitation) ha raggiunto la spettacolare velocità di 501 chilometri orari, la più alta velocità mai raggiunta da un mezzo commerciale non modificato. Il mezzo, che collega la città di Shanghai al suo aeroporto internazionale, è stato inaugurato nel 2004. Percorre il suo tragitto in poco più di 7 minuti, viaggiando a una media di 250 chilometri orari.

Non sarà la velocità della luce, ma gli abitanti di Shanghai possono ritenersi soddisfatti

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore