sabato, Ottobre 24

Accadde Oggi: Al-Sisi, buon ‘complegolpe’ 3 luglio 2013: colpo di Stato in Egitto

0

Quest’anno, il generale Abd al-Fattah al-Sisi è stato riconfermato Presidente dell’Egitto, a seguito di una tornata elettorale che ha fatto registrare percentuali elevatissime a favore del generale, a fronte di una affluenza mai così bassa.

Oggi sono esattamente cinque anni da quando, quel 3 luglio 2013, un colpo di Stato incruento poneva fine alla Presidenza di Mohamed Morsi a favore di una giunta militare guidata da al-Sisi. A quei tempi, la situazione egiziana era critica: l’allora Presidente Morsi, leader dei Fratelli Musulmani, si trovava ad amministrare una situazione piuttosto caotica. L’Egitto era all’inizio di un nuovo capitolo della propria storia, dopo che Hosni Mubarak era stato costretto a lasciare la Presidenza dopo 30 anni a seguito delle rivolte popolari del 2011, che ebbero come principale sede piazza Tahrir. L’Egitto era uno Stato in profonda crisi economica e sociale e il Presidente Morsi, visto con sospetto da una parte dell’opinione pubblica per la sua visione politica, che contrastava la tradizione laica egiziana, si attribuì ampi poteri giudiziari con l’intento dichiarato di proteggere l’Assemblea Costituente, che stava redigendo una nuova Costituzione.

A pochi mesi di distanza dal 2011, il popolo egiziano scese in piazza per manifestare il proprio malcontento e si aprì una fase molto dura della vita politica: in questo contesto tumultuoso, un comunicato del generale al-Sisi impone un ultimatum al Presidente Morsi. Era il primo luglio del 2013: se entro tre giorni il Presidente non avesse preso seri provvedimenti, l’esercito sarebbe intervenuto. E così fu: l’intervento delle truppe guidate da al-Sisi destituì il Presidente. A nulla valse il suo tentativo in extremis di formare un governo di unità nazionale.

Per le strade egiziane iniziarono scontri fra sostenitori e oppositori dei Fratelli Musulmani, mentre il nuovo Governo procedeva ad arrestare i leader del partito di Morsi: il colpo di Stato era compiuto.

https://www.youtube.com/watch?v=-P1LRk64n64

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore