venerdì, Novembre 15

Accadde Oggi: crolla una chiesa, crolla una fede 5 dicembre 1931: Stalin ordina l’abbattimento della Chiesa del Salvatore a Mosca

0

I recenti casi di Palmira, così come i meno recenti, ma comunque vicini, esempi dei Buddha abbattuti dai talebani ci hanno nel tempo fatto conoscere la tristezza di vedere abbattuti alcuni fra i più grandi prodotti dell’ingegno e dell’arte umana. Un sentimento a cui è difficile abituarsi. Seppur connotato da un contesto diverso, l’abbattimento della Cattedrale del Cristo Salvatore a Mosca può essere fatto rientrare, per certi versi, sotto questa casistica.

La Cattedrale fu costruita come ringraziamento a Dio in seguito alla sconfitta di Napoleone ai tempi della campagna di Russia. Vennero impiegati, per la sua costruzione, i più grandi talenti artistici dell’epoca, che per misero il proprio genio creativo per decenni al servizio di questa opera monumentale, che venne inaugurata nel 1883, nel giorno dell’incoronazione dello zar Alessandro III. Con la Rivoluzione d’Ottobre e, in seguito, con l’istituzione dell’Unione Sovietica e, pertanto, con l’abbattimento del vecchio regime, cambiarono le priorità: l’Urss era uno Stato ateo e non c’era più spazio per la religione, per motivi ideologici e politici (la Chiesa ortodossa era troppo compromessa con il regime zarista).

Nei progetti dei sovietici, quindi, quella cattedrale era di troppo e al suo posto sarebbe dovuto sorgere un avveniristico Palazzo dei Soviet: su ordine di Stalin, quindi, il 5 dicembre 1931 fu abbattuta la Cattedrale del Cristo Salvatore. Per varie ragioni (fra cui lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale), il Palazzo non fu mai costruito. Con il crollo del comunismo, nel 1990 la Chiesa ortodossa ottenne di poter ricostruire, nella maniera più fedele possibile, questa cattedrale: vennero riutilizzate anche le macerie precedentemente conservate per la loro inestimabile bellezza.

Nel 2000 furono conclusi i lavori e la vecchia nuova cattedrale fu così inaugurata per la seconda e (si spera) definitiva volta. Nel video possiamo ammirare la Cattedrale del Cristo Salvatore in tutta il suo imponente splendore, che dal 2000 è finalmente tornata a regnare su Mosca.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore