martedì, Agosto 4

Accadde Oggi: 11 Settembre, fra male e bene 11 settembre 1989: si scioglie la Cortina di Ferro

0

L’11 settembre è, nell’immaginario collettivo, diventato un giorno-simbolo. Non c’è bisogno di un anno. La forza emblematica di quelle immagini a cui il mondo intero ha assistito ha fatto sì che diventasse, sul calendario, una ricorrenza, come può essere una religiosa come Ognissanti o una civile come la Giornata della Memoria. A differenza di queste ultime, però, non ha un nome suo: l’11 settembre racconta, da solo, la tragicità di quel giorno di ormai diciassette anni fa.

Ma non c’è stato solo il 2001. Prima di quell’anno, infatti, l’11 settembre era la ricorrenza di un’altra ricorrenza tragica, quello del golpe militare in Cile, guidato da Augusto Pinochet che, durante l’assedio al palazzo presidenziale, ha visto la morte del Presidente Salvador Allende, rimasto a presidio della democrazia e a difesa dello Stato che rappresentava. L’11 settembre è quindi associato nella mente di tutti come un giorno tragico, colmo di morte, distruzione e caos.

Tuttavia, questo giorno è stato, in passato, protagonista in positivo. Era il 1989 e l’Europa viveva gli ultimi giorni da continente diviso. La Cortina di Ferro, che per decenni aveva suddiviso il Vecchio Continente in due aree di influenza, separata da un confine mai come allora insuperabile, stava per disciogliersi. Prodromi di questa prossima e ritrovata libertà era stato il cosiddetto pic-nic paneuropeo, tenutosi sul confine fra Austria e Ungheria il 19 agosto di quell’anno. Promosso da partiti promotori dell’unità del continente, il pic-nic consentì un allentamento dei confini, per permettere agli abitanti delle due zone di condividere la giornata assieme. Approfittando dei controlli meno serrati, un gruppo di tedeschi orientali, convenuti sul confine austro-ungherese, riuscì a scappare nell’Ovest, riparando così nella Repubblica Federale Tedesca.

Anticiparono, così, quello che sarebbe successo quell’11 settembre, quando le autorità ungheresi aprirono i confini: l’immaginario muro costituito dalla Cortina di Ferro ha avuto così la sua prima breccia. Si pensava di essere prossimi ad un’era di felicità: si realizzava il sogno di un’Europa unita. Ed era un 11 settembre.

 

https://youtu.be/Etkon5wqw0w

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore