venerdì, Agosto 23

Abu Bakr al-Baghdadi, il Califfo di Daesh alla conquista del Congo Obiettivo: creare la Provincia del Centrafrica, subregione del Gran Califfato d’Africa, E islamizzare sia la regione dei Grandi Laghi che l’Africa Orientale

0

Abu Bakr al-Baghdadi, leader dell’organizzazione islamica Daesh, nota in Occidente come Islamic State of Iraq and Syria (ISIS) e Islamic State of Iraq and the Levant (ISIL), approfittando della debolezza del Governo di Kinshasa, sta cercando di installarsi nell’est della Repubblica Democratica del Congo.
Obiettivo: creare la Provincia del Centrafrica, subregione del Gran Califfato d’Africa.

Mercenari stranieri sarebbero presenti nelle province del Kivu e starebbero tentando di reclutare i giovani disoccupati per lanciare la guerra santa. L’obiettivo ultimo: islamizzare sia la regione dei Grandi Laghi, che l’Africa Orientale.

A rischio son Burundi, Congo, Kenya, Repubblica Centrafricana, Rwanda, Sud Sudan, Tanzania e Uganda.
Le cellule terroristiche che stanno nascendo in Congo dovrebbero collegarsi con le neonate cellule in Tanzania per lanciare la guerra contro gli infedeli. Cellule del Daesh sarebbero già sorte anche in Kenya e Uganda, pronte a colpire.
Questa è la shoccante rivelazione dei servizi segreti regionali a seguito di indagini congiunte in collaborazione con Interpol e CIA.

Il sito ufficiale del Daesh ha rivendicato l’attacco contro la caserma di Kamango, nell’est del Congo, avvenuto lo scorso aprile. Questa è la prima volta che il gruppo terroristico parla della Wilayat del Centrafrica. Il Daesh intende creare un impero islamico su tutto il pianeta denominato Califfato Islamico. L’impero si suddivide in 35 wilayats (province). Gli esperti rimangono dubbiosi su questa rivendicazione. Pur essendo stata pubblica sul sito ufficiale, si ha l’impressione che il Daesh stia tentando di sfruttare azioni terroristiche eseguite da altri gruppi per accelerare il processo di reclutamento in Congo, Kenya e Tanzania.

L’est della Repubblica Democratica del Congo sembra il terreno ideale per iniziare la conquista della regione. 

In un servizio di approfondimento, in pubblicazione il 29 maggio 2019, l’analisi delle possibilità che Daesh ha nella regione.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore