sabato, Maggio 25

A tutto Giappone per Renzi field_506ffb1d3dbe2

0

A Tokyo domenica scorsa il Presidente del Consiglio Matteo Renzi in visita in Giappone ha incontrato la business community italiana all’Ambasciata italiana a Tokyo. Una colazione di lavoro con la Japan business community, mentre alle 11.00 ha avuto una lecture alla Tokyo University of the Arts. Nel primo pomeriggio è stato ricevuto dall’imperatore Akihito, prima degli impegni con Abe. Martedì mattina, invece, Renzi si sposterà a Kyoto, l’antica capitale nipponica legata a doppio filo con Firenze per il ricco e inestimabile patrimonio artistico riconosciuto dall’Unesco: le due città festeggiano nel 2015 i 50 anni di gemellaggio, frutto di un solido rapporto riaffermato dalle visite reciproche dei due sindaci Dario Nardella e Daisaku Kadokawa. Tra gli altri eventi, la visita al Kyoto museum of traditional craft e un tour della città prima della partenza per l’Italia: questo il piano diffuso dal ministero degli Esteri nipponico, secondo cui dovrebbe esserci la first lady Agnese Landini che incontrerebbe la controparte Akie Abe per la prima volta. Il piano originario, ridotto a causa «di impegni di lavoro», aveva tra le ipotesi il blitz nella prefettura di Yamaguchi dove fino all’8 agosto c’è il 23/mo World Scout Jamboree, il summit dello scoutismo mondiale, a Kirara-hama. E la partecipazione il 6 agosto a Hiroshima alla cerimonia per il 70/mo anniversario del bombardamento atomico della città da parte degli Usa e a 70 anni dalla fine della Seconda guerra mondiale. 

La missione, finalizzata a rafforzare «gli ottimi legami tra i due Paesi e quelli personali tra i due leader», dà seguito all’invito del premier Shinzo Abe durante il bilaterale avuto a margine del G7 di giugno a Elmau, in Germania. Sarà il quinto incontro tra i due, non lontani da quelli che Abe ha avuto col presidente russo Vladimir Putin, «a conferma dell’importanza che Tokyo dà ai legami con Roma». Del resto, sulle relazioni con Mosca, Renzi e Abe (che vuole risolvere la questione dei Territori del Nord-Curili del Sud), pur tenendo fermo il grave giudizio sull’Ucraina, hanno già avuto occasione di condividere l’opportunità di mantenere un dialogo aperto. Il bilaterale è in programma lunedì 3, nel pomeriggio, cui seguirà la cena offerta da Abe presso la residenza del Primo ministro. La cooperazione sulla sicurezza (inclusiva dei mari), il nuovo ruolo «proattivo» di Tokyo per la pace internazionale con l’esercizio della «autodifesa collettiva», terrorismo e stabilità del Medio Oriente sono gli altri temi in discussione.

(tratto dal canale Youtube dell’agenzia di Stampa ‘VISTA‘)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore