venerdì, Dicembre 13

8 marzo: donne in piazza in tutto il mondo Dall'Europa all'Asia: tutte in piazza per i diritti e la parità

0

Un 8 marzo di protesta in tutto il mondo. La festa della donna è stata festeggiata come di consueto ma in questo 2018 sono state tante le occasioni polemiche, anche forti, dall’Europa fino all’Asia.

Migliaia di persone, soprattutto donne, si sono concentrate in Piazza Cibeles nel cuore di Madrid per quello che è stato il primo sciopero generale femminista in Spagna. In totale oltre 200 eventi si sono svolti in tutto il Paese. Sicuramente però la manifestazione più importante si è avuta a Kabul, in Afghanistan, dove centinaia di donne si sono riunite perché «molto c’è ancora da fare affinché la parità di diritti dei sessi in Afghanistan diventi una realtà». Quest’anno la Giornata internazionale della Donna è stato un evento particolarmente sentito perché il governo del presidente Ashraf Ghani ha avanzato una offerta di dialogo e riconciliazione ai talebani, sottolineando che fra i punti irrinunciabili della proposta c’è quello della salvaguardia dei diritti acquisiti dalle donne in questi anni.

Un messaggio particolare alle donne è arrivato anche dal presidente russo Vladimir Putin. Ma andiamo a vedere in quali altri luoghi si è festeggiato (e manifestato).

(video tratto dal canale Youtube di El Pais)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore