martedì, Agosto 4

4 Luglio: Panico a Central Park

0

Un 4 Luglio iniziato non proprio sotto i migliori auspici con l’esplosione avvenuta in mattinata a Central Park di un ordigno, di fattura apparentemente artigianale, che ha ferito un giovane diciannovenne, che inganno della presenza dell’oggetto lo aveva calpestato mentre percorreva la zona con alcuni amici. Secondo quanto dichiarato dalla polizia di New York «Non vi sono indicazioni che facciano pensare a terrorismo e non vi e’ una specifica e credibile minaccia per New York o per i festeggiamenti del 4 luglio». Le autorità non si sbilanciano newyorkesi, ma da una prima analisi di ciò che rimane dell’ordigno sembrerebbe uno dei tanti fuochi d’artificio ‘fatti in casa’ che da sempre causano diverse grane agli agenti statunitensi in vista delle parate per i festeggiamenti del Giorno dell’Indipendenza.

Gli inquirenti non hanno inserito nel registro dei sospettati la vittima e i suoi amici presenti durante l’esplosione, perché ritenuti all’oscuro della presenza dell’ordigno all’interno del parco. Il giovane,  secondo le ultime indiscrezioni, rischierebbe l’amputazione del piede. Resta esclusa la matrice terroristica e quella razziale che faceva ipotizzare un possibile attacco indirizzato alla comunità ebraica per la vicinanza al luogo in cui venivano celebrati i funerali del premio Nobel di Elie Wiesel.

 

(fonte video tratta da canale YouTube ‘CNN‘)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore