venerdì, Dicembre 13

4 Febbraio

0

4 Febbraio 1991: i ‘Queen’ pubblicano Innuendo, ultimo album prima della morte del frontman Freddie Mercury. Quattordicesimo album della band britannica, le registrazioni del disco ebbero in realtà inizio nel mese di marzo del 1989, anno in cui la sieropositività di Freddie Mercury al virus HIV (scoperta nel 1987) si trasformò in AIDS conclamato, e il cantante fu costretto a rivelare le sue condizioni di salute agli altri tre membri della band durante le registrazioni  proprio di Innuendo. Per questa ragione trascorsero quasi tutto il 1990 nella sala di registrazione, incidendo brani come ‘Delilah’ e ‘The show must go on’, considerato il testamento spirituale del cantante (Clicca qui per vedere il video. Seguici anche su Youtube!). Freddie era ormai nelle ultime fasi della sua battaglia e la particolare situazione che si trovò a vivere  il gruppo si riflettè anche nei testi e nelle melodie dell’album, il cui tema principale fu ‘il timore dell’arrivo della morte imminente’. Freddy Mercury, infatti, morì dieci mesi dopo la pubblicazione di ‘Innuendo’, il 26 Novembre del 1991.

 

266px-Facebook.svg

4 Febbraio 2004 : nasce Facebook. Il  servizio di rete sociale più famoso al mondo venne lanciato nel febbraio del 2004 nell’università di Harvard, negli Stati Uniti, da Mark Zuckerberg e dai suoi compagni Eduardo Saverin, Dustin Moskovitz e Chris Hughes. Progettato inizialmente per gli studenti dell’Università di Harvard, fu presto aperto anche agli iscritti di altre scuole della zona di Boston, della Ivy League e della Stanford University. Il nome ‘Facebookvenne ideato prendendo spunto dall’annuario scolastico che alcuni licei e università statunitensi distribuiscono all’inizio dell’anno accademico per aiutare tutti gli allievi a socializzare tra loro grazie all’ausilio di un elenco con il nome e la fotografia di tutti gli studenti iscritti. Nel gennaio 2004, Zuckerberg cominciò a programmare il nuovo sito web partendo dalla base di un suo vecchio sito, ‘Facemash‘, chiuso nel 2003 dagli addetti alla sicurezza informatica di Harvard per violazione del copyright e alla fine del mese di febbraio, già più della metà della popolazione universitaria di Harvard era registrata al servizio.  Ad aprile del 2004 il servizio si allargò al resto della Ivy League, al MIT, alla Boston University e al Boston College. Fu poi la volta di altri istituti negli Stati Uniti e in Canada. Venne così fondata la ‘Facebook, Inc’ a Palo Alto in California , ricevendo il primo finanziamento dal cofondatore di PayPal, Peter Thiel. Tra aprile e agosto del 2005 venne registrato il dominio attuale, ‘facebook.com’, per la cifra di 200.000 dollari. Quello che sicuro caratterizza Facebook è il suo aver cambiato radicalmente il modo di socializzare di milioni di persone in tutto il mondo, cambiando le modalità di scambio di informazioni, sia sul piano privato che commerciale, diventato, nel 2013, il sito maggiormente visitato dagli utenti nel mondo, arrivando ad abbattere perfino il colosso ‘Google’

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore