giovedì, Dicembre 12

2018: ecco tutte le nuove emoticon Tra le novità, l' emoji con i capelli rossi, bianchi, senza capelli, del supereroe o del supercattivo

0

Ben 157 nuove emoticon debutteranno nel 2018 su computer, smartphone e tablet. A giugno l’ Unicode, l’ organizzazione non profit che si occupa della codificazione del linguaggio universale, emoji incluse, introdurrà queste nuove emoticon all’interno della versione 11 del suo Standard, che è il codice che poi viene assunto su tutti i sistemi, compresi iOS ed Android.

Tra i nuovi arrivi,  l’emoticon con i capelli rossi o con i capelli bianchi o anche senza senza capelli, così come quella che ha caldo e quella congelata. Poi l’emoticon che fa festa, il supereroe e il supercattivo o quella di alcuni animali come canguro,  aragosta, ippopotamo, pavone,zanzara, cigno. Anche nuovi oggetti come il conto e la carta igienica, oltre al puzzle, o il dente, il camice, il microbo.

Ma non è detto che tutte le emoticon arriveranno nelle nostre chat: l’organizzazione Unicode, infatti,ha il compito di convertire l’ emoji in numeri, ma poi sono le varie applicazioni e i vari sistemi operativi decidere se utilizzare quel carattere oppure no.

(Video tratto dal canale Youtube IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore