lunedì, Marzo 25

1981, quando la Regina Elisabetta rischiò di morire in Nuova Zelanda Lo rivelano ggli archivi dei servizi di sicurezza neozelandesi, costretti a scoprire le carte a 36 anni di distanza nel rispetto del Free Information Act

0

La Regina Elisabetta rischiò la vita nel suo viaggio in Nuova Zelanda nel 1981. Un attentato maldestro, probabilmente senza chance di riuscita, eppure perpetrato con tanto di spari, ma mai rivelato. Oggi invece rispunta fuori dagli archivi dei servizi di sicurezza neozelandesi, costretti a scoprire le carte a 36 anni di distanza nel rispetto del Free Information Act.

L’attentatore era un ragazzo appena 17enne, Christopher John Lewis, che aprì il fuoco al passaggio della Regina Elisabetta, ma non riuscì nel suo intento poiché non aveva un’arma adeguata e non era in posizione favorevole. All’epoca in realtà alcuni giornalisti sentirono e riferirono di strani botti, senza però riuscire a individuarne la causa.

(video tratto dal canale Youtube del Telegraph)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore