domenica, Settembre 20

153° anniversario della Battaglia di Puebla

0

Due giorni fa si è celebrato il 153° anniversario della Battaglia di Puebla in Messico. La storica Battaglia di Puebla ha avuto luogo il 5 maggio 1862, vicino alla città di Puebla nel corso dell conflitto franco-messicano. La battaglia si è conclusa con la vittoria per l’Esercito Messicano sulle forze francesi che occupavano allora il Paese, ma i francesi alla fine ha superato i messicani nelle successive battaglie. La vittoria nella battaglia di Puebla contro un assai attrezzato e più grande esercito francese ha fornito una notevole spinta morale per l’esercito messicano e anche aiutato a rallentare avanzata dell’esercito francese nei confronti di Città del Messico. Ci sono stati un totale di 10.540 soldati in guerra e 462 soldati francesi sono morti in combattimento, mentre soltanto 83 soldati messicani sono morti in questa battaglia.

La vittoria del Messico si celebra ogni anno il cinque di maggio da quando il 9 maggio del 1862, il presidente ha dichiarato che l’anniversario della battaglia di Puebla (o il ‘Cinco de Mayo’) festa nazionale e Juárez eroe nazionale. Anche se oggi si riconosce in alcuni paesi, come questa sia una giornata di celebrazione messicana dell’identità e del patrimonio, non è una festa federale messicana.

Un errore comune negli Stati Uniti è pensare che ‘Cinco de Mayo’ sia il Giorno dell’Indipendenza del Messico, la più importante festa patriottica nazionale del Paese. Il Messico celebra il Giorno dell’Indipendenza, il 16 settembre, per commemorare l’inizio della guerra di Indipendenza (16 settembre 1810, ‘Grito de Dolores’ ) e anche la fine della guerra d’Indipendenza, che durò 11 anni, il 27 settembre.

Dal 1930, una rievocazione della battaglia di Puebla si tiene ogni anno a Peñón de los Baños , uno sperone roccioso nei pressi di Città del Messico verso l’aeroporto internazionale. Tale giorno rappresenta la festa tradizionale del Messico , soprattutto nello stato di Puebla, dove la festa è celebrata come ‘El Día de la Batalla de Puebla’ (ossia il ‘Giorno della battaglia di Puebla’). Nel Messico tale giorno si associa ad un breve periodo di vacanza in altre parti del paese, anche se questa festa è anche molto popolare negli Stati Uniti , dove viene celebrata ogni anno come il ‘Cinco de Mayo’ come dicevamo prima. Dal 1858 al 1860 la guerra civile messicana, nota come ‘guerra di riforma’, aveva causato sofferenza per tutta l’economia messicana. Quando nel suo insediamento, come presidente eletto nel 1861, Benito Juárez è stato costretto a sospendere il pagamento dei debiti con i Paesi esteri per un periodo di due anni, alla fine di ottobre 1861 i diplomatici provenienti da Spagna, Francia, e Gran Bretagna si sono incontrati a Londra per formare l’alleanza tripartita, con lo scopo principale di lanciare un’invasione alleata del Messico, prendendo il controllo di Veracruz, il suo importante porto, e costringendo il governo messicano a negoziare i termini per il rimborso dei suoi debiti e di risarcimento per presunti danni ai cittadini stranieri in Messico. Nel mese di dicembre del 1861, le truppe spagnole sbarcate a Veracruz; sono state seguite subito dopo, ossia ai primi di gennaio di quell’anno, da quelle degli inglesi e da quelle dei francesi . Le forze alleate hanno occupato Veracruz e sono avanzate in direzione di Orizaba. L‘alleanza tripartita è crollata da inizio aprile del 1862, quando è diventato chiaro che la Francia voleva imporre richieste dure al governo Juarez e provocare una guerra. Gli inglesi e spagnoli si ritirarono, lasciando i francesi liberi di marciare da soli verso Città del Messico. 

La battaglia di Puebla è stato un evento storico di notevole importanza per la guerra in Messico e ha fornito una splendida rivelazione per il resto del mondo, che vedeva come prevedibile una rapida vittoria per armi francesi e si è dovuto arrendere a costare questa perdita in battaglia.

La guerra, rallentatosi dalla loro perdita a Puebla che fece sì che le forze francesi si ritirassero dal campo di battaglia, continuò  soltanto dopo che Napoleone III con molta determinazione ebbe inviato truppe aggiuntive in Messico. I francesi sono stati alla fine vittoriosi, stracciando le truppe messicane nella seconda battaglia di Puebla il 17 maggio 1863 e spingendosi fin verso Città del Messico. Quando il capitale per condurre la guerra contro i francesi terminò il governo messicano di Juárez fu costretto all’esilio nel nord del Paese 

Con l’appoggio della Francia, l’arciduca Massimiliano d’Asburgo  divenne imperatore del Messico nel breve durata del Secondo Impero messicanoNapoleone III volle poi quindi istituire, dopo tale vincita sul popolo messicano, un fantomatico regime, che però di fatto non governava il Paese, ma era in mano ai francesi e alla casa di Asburgo Lorena.

(tratto da ‘You Tube’ con un video tratti dall’emittente ‘Azteca Noticias‘)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore