mercoledì, settembre 19

Yemen, i costi di tre anni di guerra Una tragedia iniziata con l’offensiva dei ribelli Houthi in alleanza con le forze militari rimaste fedeli all’ex presidente Ali Abdullah Saleh

0

Due giorni fa è stato l’anniversario dei tre anni di guerra in Yemen. Una tragedia iniziata con l’offensiva dei ribelli Houthi in alleanza con le forze militari rimaste fedeli all’ex presidente Ali Abdullah Saleh.

«La guerra in Yemen ha creato una situazione devastante soprattutto per quanto riguarda la popolazione esposta a malnutrizione e malattie. Stiamo parlando di più di 15 mila feriti civili, più 10 mila morti e circa 18 milioni di persone a rischio di estrema povertà e malnutrizione», dice a Radio Popolare la giornalista e documentarista Laura Silvia Battaglia.

Solo un mese fa i dati diffusi dall’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani avevano confermato il decesso di 5.974 civili e il ferimento di più di 10 mila persone. Ma purtroppo l’emergenza umanitaria peggiora di giorno in giorno.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore