martedì, agosto 21

Volkswagen Golf: è ancora lei la regina delle auto più vendute nel 2018 Un mito diventato ormai intramontabile che, dal 1974, non smette di macinare successi sul mercato del nuovo e dell' usato

0

Giunti a metà dell’anno è tempo di verifiche. Si confrontano i dati, si studiano le statistiche e si verificano i report rispetto alle previsioni di vendita.

Quando si parla di automobili a tenere il primo posto nella classifica delle auto più vendute è ancora una volta un mito diventato ormai intramontabile: la Volkswagen Golf. Ma diamo un’occhiata alla classifica completa.

Le auto posizionate in classifica nel primo semestre 2018

In un’Europa che conta 16 Stati e 28 Nazioni l’auto più venduta, nel primo semestre 2018, rimane la Volkswagen Golf, con ben 291.520 veicoli messi su strada e un incremento del 6,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Al secondo posto troviamo la Renault Clio, con 217.114 auto vendute e un incremento del 2,6%, mentre sul terzo gradino c’è un’altra Volkswagen, la Polo che perde però l’1,4% fermandosi 203.247 unità immatricolate.

Stessa flessione fa registrare la Fiesta della Ford, che si piazza al 4° posto con 162.180 automobili, mentre al quinto posto troviamo la Tiguan della Volkswagen che scalza la Opel Corsa, in caduta libera e giunta in 12° posizione. Per trovare la prima auto italiana, la Fiat 500, invece bisogna scendere fino alla 21° posizione mentre la Panda si piazza al 23° posto.

La storia di successo della Golf

La Golf della Volkswagen mette in strada il suo primo modello nel 1974 e la sua riuscita sul mercato è immediata e costante. Il milionesimo esemplare viene prodotto dalla casa già ad ottobre 1978 e l’anno successivo, dopo aver raggiunto quota 3 milioni, esce la versione cabriolet.

La prima serie esce di scena nel’83 dopo 6.780.050 vetture immatricolate, avviando una serie di fortunati successi oggi giunti alla settima versione del 2012.
Anche questa nuova vettura stupisce. Il risparmio di peso tocca quota 100 kg in meno della versione precedente, riducendo del 23% i consumi di carburante. Le novità sono tante, dalla trazione integrale supportata da un motore turbo ad iniezione diretta, al climatizzatore automatico, passando per i fari a led. I sistemi di aiuto alla guida vanno dal sistema di frenata di emergenza al  regolatore automatico della distanza. Inoltre se si vogliono maggiori informazioni si può consultare questo articolo di automobile.it dove si approfondiscono le caratteristiche della Golf di settima generazione.

La Golf rimane l’auto più ricercata sul mercato dell’usato

Le auto usate sono molto ricercate, soprattutto dai giovani che vogliono risparmiare e acquistare la loro prima auto. Le occasioni del mercato dell’usato hanno sicuramente costi più contenuti del nuovo, rimanendo allo stesso tempo sicure ed affidabili.
Non è un caso infatti che il mercato dell’usato abbia registrato nel 2017 un incremento del 4,7%, mantenendo lo stesso trend di crescita anche nelle previsioni per 2018.  
Inoltre la Golf si conferma anche qui l’auto più ricercata, facendo gola a molti, giovani e non, che sognano di salire a bordo della piccola leggenda di casa Volkswagen.
In chiusura ricordiamo che scegliere un usato vuol dire anche informarsi bene e controllare minuziosamente la vettura che si sceglie, per capire se sia quella più adatta alle nostre necessità.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore