martedì, luglio 17

Vienna: tutti in bici per la Radparade Nell'anno precedente, alla parata hanno partecipato 10.000 ciclisti. Quest'anno dovrebbero essere ancora di più

0

A Vienna, si è tenuta l’ ottava edizione della Radparade, il raduno ciclistico che ogni anno fa sì che migliaia di persone sfilino per le strade del centro della città, completamente chiuse alle automobili. L’ evento, organizzato da diverse associazioni di ecologisti e di appassionati del ciclismo, riscuote sempre molto successo: vi accorrono ciclisti da tutto il paese.

Gli organizzatori parlano di un nuovo record di partecipanti. Nell’anno precedente, alla parata hanno partecipato 10.000 ciclisti. Quest’anno dovrebbero essere ancora di più. «A Vienna – ha detto Martin Blum, che lavora nel settore della ciclabilità per l’Assessorato ai trasporti – il sistema di trasporto pubblico è molto popolare. Puntiamo a promuovere una mobilità che sia rispettosa del clima.Il nostro obiettivo è che entro il 2025 la quota di traffico sostenibile, inclusi ciclisti e pedoni, raggiunga l’80 per cento del totale. Questo significherebbe ridimensionare il traffico in auto fino a una quota del 20 per cento».

Due anni fa, la rivista Wired ha inserito, al 16esimo posto, Vienna nella classifica delle 20 città con la migliore ciclabilità del pianeta

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore